Invia a un amico










Inviare

La stagione delle classiche è ufficialmente tornata: la Milano-Sanremo 2019, centodecima edizione della Classica di Primavera, si correrà sabato 23 marzo.

Questa storica corsa è una delle cinque Classiche Monumento del calendario UCI World Tour 2019, insieme al Giro delle Fiandre (Belgio), alla Parigi-Roubaix (Francia), alla Liegi-Bastogne-Liegi (Belgio) e al Giro di Lombardia (Italia).

La Classicissima è da sempre la corsa di un giorno più prestigiosa che si corre sul territorio italiano: la sua lunghezza, le due asperità prima dell’arrivo a Sanremo e il traguardo nella Città dei Fiori e del famoso Festival della canzone italiana la rendono uno degli obiettivi principali della stagione per una gran parte dei corridori in gruppo.

Maltempo alla Milano Sanremo

La Milano-Sanremo è il primo grande appuntamento della stagione e spesso viene affrontata con il maltempo.

La corsa, come noi abbiamo raccontato nel nostro articolo dedicato alla “Classicissima” Milano-Sanremo, è diventata negli ultimi anni terreno di caccia dei velocisti e dei passisti-veloci che non disdegnano qualche breve salita, poiché a eccezione del Poggio e della Cipressa, i quasi 300 km del percorso presentano principalmente un’altimetria piatta.

Ha molto sorpreso il successo di Vincenzo Nibali nel 2018, uomo da corse a tappe e grandi salite, ma che con un’estro da vero fuoriclasse ha piazzato un attacco sul Poggio di Sanremo quando mancavano circa 10 chilometri al traguardo. Il gruppo guidato dalle squadre degli sprinter non è stato capace di organizzare l’inseguimento al siciliano, trionfante in solitaria sul traguardo di Via Roma.

Andiamo ora a vedere il percorso della Milano-Sanremo 2019, che ricalca sostanzialmente quello visto nelle ultime edizioni.

Tratto sull'Aurelia della Milano Sanremo

Dopo la discesa dal passo del Turchino, viene percorso un lungo tratto lungomare sull’Aurelia.

Percorso Milano-Sanremo 2019

Il chilometro zero, come da consueto, è fissato a Milano, capoluogo della regione Lombardia e sede di RCS e Gazzetta dello Sport, gli organizzatori della manifestazione. Da qui il gruppo si dirigerà verso sud, toccando città come Pavia, Voghera, Tortona e Novi Ligure, nelle quali la fuga tenterà il grande colpo cercando di evadere dal gruppo.

Si salirà molto leggermente per circa 30 chilometri fino ai 532 metri del Passo del Turchino, che nei primi anni della corsa era il punto focale nella quale si decideva il vincitore della Milano-Sanremo. Una breve discesa porta il gruppo a un lungo tratto pianeggiante di circa 80 chilometri, attraversando Voltri, Varazze, Savona e Albenga.

A meno 50 dall’arrivo, la corsa si accenderà prima con i tre capi, che nel 2018 hanno messo fuori gioco il miglior velocista Marcel Kittel ma che non dovrebbero mettere in difficoltà i favoriti. I tre capi sono: Capo Mele (1,8 km al 3,9%), Capo Cervo (3 km al 2,3%) e Capo Berta (2,5 km al 5,1%).

Altimetria della Milano-Sanremo 2019

I chilometri da percorrere sono ben 291 ma il percorso è prevalentemente pianeggiante.

I capi saranno sicuramente affrontati ad altissime velocità, dunque i fuggitivi vedranno molto ridotto il loro vantaggio. Un breve tratto in piano anticipa l’attacco della Cipressa (5,6 km al 4,1%), inserita nel 1982 nel percorso della Sanremo per dare maggiore vivacità nel finale.

Subito dopo la Costarainera (altro nome per indicare la salita della Cipressa), si affronterà il Poggio di Sanremo, un’ascesa di soli 3,65 km al 3,7%, rampa di lancio negli ultimi anni di Vincenzo Nibali, vincitore nel 2018, e Michal Kwiatkowski, trionfante invece nel 2017 davanti al tre volte campione del mondo Peter Sagan.

Dallo scollinamento del Poggio mancheranno soltanto 6,6 km, 2 dei quali in una tecnica discesa. Il traguardo di Via Roma, dopo 294 km, ci dirà quale corridore inizierà la stagione delle classiche con un prestigiosissimo successo.

altimetria della salita della Cipressa e del Poggio di Sanremo

Gli ultimi 2 strappi possono riservare sorprese ed è proprio sulla salita del Poggio che Nibali nel 2018 ha sferrato l’attacco vincente.

I probabili favoriti della Milano-Sanremo 2019

Andiamo ora ad analizzare i probabili favoriti per la Milano-Sanremo 2019: come primo non possiamo non nominare proprio Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), capace lo scorso anno di farci emozionare. Sappiamo benissimo che ripetersi sarà quasi impossibile, ma lo Squalo dello Stretto ci ha insegnato che è capace di sorprendere proprio nel momento in cui non viene dato come favorito.

Chi insegue la Sanremo da ormai molte edizioni è Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), che, dopo aver agguantato il successo al Giro delle Fiandre e alla Parigi-Roubaix, ha cerchiato con il pennarello rosso la data della corsa sul calendario per completare il trio delle classiche monumento più adatte alle sue caratteristiche. Dopo i secondi posti del 2013 e 2017 il tre volte campione del mondo slovacco è pronto a dare battaglia.

Noi italiani dobbiamo affidarci a Elia Viviani (Deuceninck-Quickstep), autore di un 2018 strepitoso e di un inizio di stagione con già tre vittorie all’attivo. Dopo annate negative a Sanremo, il veronese sarà sicuro protagonista di questa edizione e marcato stretto dai diretti avversari.

vittoria allo sprint di Vincenzo Nibali

Dopo la vittoria a sorpresa di Nibali, per il 2019 l’Italia ha tra i grandi favoriti Elia Viviani.

Pronti alla doppietta sono invece il francese Arnaud Demare (FDJ), vincitore nel 2016, il norvegese Alexander Kristoff (UAE Team Emirates), trionfante nel 2014, e John Degenkolb (Trek-Segafredo), primo a Via Roma nel 2015. Tutti e tre sono dei velocisti capaci di tenere le primissime posizioni del gruppo nelle brevi salite come Cipressa e Poggio e dunque primissimi favoriti per la vittoria in questo 2019.

Altri corridori da tenere d’occhio sono i giovani: Caleb Ewan (Lotto-Soudal), sempre tra i migliori in volata e secondo lo scorso anno, Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) e Dylan Groenewegen (Lotto Jumbo-Visma), due vittorie allo sprint per entrambi nell’ultima edizione del Tour de France.

Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a passare sul sito ufficiale della corsa.

Granfondo Milano-Sanremo 2019

Domenica 9 giugno 2019, i cicloamatori potranno vivere una giornata da campioni, affrontando la quarantanovesima edizione della Granfondo Milano-Sanremo che ricalca in tutto e per tutto il percorso dei professionisti. Questa è la manifestazione per amatori più lunga al mondo, che ogni anno attira appassionati da tutto il mondo come neozelandesi, australiani, sudafricani e statunitensi.

Dal primo settembre sono state aperte le iscrizioni online, fino al 30 aprile sarà possibile acquistare il pacchetto a prezzo standard comprendente anche il pacco gara e una maglietta ricordo.

Per iscriversi ricordiamo che è necessario essere in possesso della tessera F.C.I. e dell’idoneità medico sportiva per la pratica del ciclismo agonistico. Per i cicloamatori stranieri serve la tessera con licenza UCI della propria federazione di appartenenza. Sarà possibile inoltre attivare una tessera giornaliera con sovrapprezzo il giorno stesso della gara.

Vincenzo Nibali sulla salita del Poggio a Sanremo

Gli amatori che vogliono ripercorrere le gesta dei propri idoli sportivi possono iscriversi alla GF Milano-Sanremo.

La corsa partirà a Milano alle 7 del mattino, mentre l’arrivo è previsto alle ore 14.45. La pagina ufficiale della corsa mette a disposizione dei corridori e degli appassionati delle convenzioni per soggiornare nella Città dei Fiori.

Per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale della Granfondo Milano-Sanremo, allo stesso tempo vi invitiamo a passare sul nostro articolo dedicato al calendario delle Granfondo 2019 sparse sul territorio italiano e di quelle appartenenti al circuito Prestigio di Cicloturismo.

Invia a un amico










Inviare
iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ama scrivere fin da quando era piccolo e questo lo ha portato a raccontare storie sul suo sport preferito, il ciclismo. Un'attività fisica che prova anche a praticare sia per piacere sia soprattutto per capire le difficoltà, le fatiche ma anche le gioie e i successi dei campioni che ogni giorno ci emozionano sulle strade.