Invia a un amico










Inviare

Avrei voluto pedalare in numerose occasioni su una bici che fosse al contempo performante sia sull’asfalto sia sui sentieri sterrati ma, purtroppo, non possedevo una bacchetta magica e le gravel bike non erano ancora state inventate.

Dunque, all’interno della stessa uscita, mi vedevo obbligato a una scelta decisa: o bici da corsa o mountain bike, e credo di non essere stato l’unico ciclista nella storia desideroso di passare da un terreno all’altro nella medesima giornata.

scopri le bici gravel come la Cannondale Slate

Finalmente, da qualche anno, alcuni telaisti americani hanno creato una tipologia di bici ibrida, denominata gravel bike, adventure bike o enduroad, adatta a percorrere lunghi tragitti grazie alle sue geometrie “più tranquille” rispetto a quelle di una bdc o di una bici da ciclocross e perfetta anche per pedalare su terreni sconnessi, ovviamente non da downhill estremo, per merito della sezione più ampia delle gomme.

Quali sono le caratteristiche principali di una bici gravel, è un mezzo realmente utile o solo una moda passeggera e inoltre per quale motivo dovremmo comprarne una?

Breve storia del fenomeno gravel bike

La nascita delle gravel bike è avvenuta qualche anno fa negli USA, complice anche la pessima condizione dei manti stradali di una buona parte delle stradine secondarie, quelle in cui i ciclisti si sentivano più sicuri dal traffico automobilistico e motociclistico.

Diverse amministrazioni locali avevano deciso di non spendere i soldi a propria disposizione per riasfaltarle e, così, i corsaioli si erano ritrovati davanti a un bivio: o rischiare grosso su strade malridotte (e non parlo soltanto di forature continue, ma pure di brutte cadute dovute alle buche…) oppure viaggiare su vie migliori, ma pullulanti di veicoli a motore.

bicicletta gravel per lo sterrato

Perciò che cosa fare, come agire dinnanzi a ciò?

Realizzando semplicemente una bicicletta comoda da guidare e contemporaneamente abbastanza resistente all’asfalto rovinato, in modo da permettere ai vari appassionati di continuare ad allenarsi sui propri percorsi preferiti senza rischiare ruote bucate, cerchi bozzati o peggio ancora.

A questo punto, osservato il buon successo di questo mezzo tra l’utenza americana, alcuni grandi produttori hanno cominciato a puntare su questo settore, investendo le proprie risorse tecnologiche alla ricerca del miglior compromesso tra comodità e performance sia su strada sia sui trail.

Spostandoci sul versante linguistico, la traduzione di gravel in italiano corrisponde a ghiaia, adventure ad avventura ed enduroad è il mix tra i termini enduro, disciplina in cui si utilizzano le mtb, e road cioè strada.

Perciò, già da una veloce analisi di queste parole possiamo capire come queste biciclette siano adatte alla ghiaia, alla strada, alle discese su sterrato e alle lunghe ore in sella tipiche del cicloturismo.

Caratteristiche tecniche di una bici gravel: com’è fatta?

Una gravel bike è ben diversa rispetto alle bici da corsa, ciclocross o mountain bike.

Le differenze sono evidenti nella scelta di coperture, ruote, freni, movimento centrale, manubrio, sella, pedali, telaio, serie sterzo, trasmissione e altri piccoli dettagli.

Non dimentichiamo inoltre come spesso il passaggio dei cavi sia interno in modo da evitare possibili strappi o danni sui sentieri e mantenere più pulite le guaine.

Le aziende costruttrici propongono solitamente diverse possibilità di montaggio sui propri siti e cataloghi per tentare di soddisfare ogni tipologia di rider.

Così come nel mondo delle bdc e delle mtb, troverete quindi specifiche tecniche nettamente diverse tra una gravel e un’altra. Andiamo ad analizzarle.

Gomme

La larghezza delle gomme può variare da 28 a 55 millimetri. La migliore scelta nel caso in cui voleste correre una granfondo dovrebbe ricadere sui 28 mm, mentre l’ideale per una buona tenuta sui sentieri sarebbero i 42 o 44 mm.

Possiamo comunque trovare anche coperture da 33 mm, da 38 mm e non solo.

Inoltre sono meglio le gomme tubeless o i copertoni con camera d’aria?

Come per la larghezza e per la tassellatura (con tasselli alti e in basso numero miglior grip, viceversa miglior scorrevolezza), anche questa decisione dipende esclusivamente dal vostro uso. I tubeless sono consigliabili per un impiego sui sentieri se vogliamo stare più tranquilli dalle forature dovute a spine o simili, mentre i copertoncini regalano una maggiore scorrevolezza su asfalto.

confronto ruote bici gravel

Detto ciò, la tecnologia riguardante le gomme è così avanzata che anche alcuni copertoncini resistono tranquillamente alle forature per diverse migliaia di chilometri pure su terreni non propriamente levigati.

Ruote

Qual è il parametro principale nella scelta delle ruote da gravel? Secondo la mia esperienza è la capacità di attutire le vibrazioni, fondamentale durante la pedalata su sentiero.

Dunque, risulta preferibile acquistare un prodotto che garantisca un maggiore assorbimento delle sconnessioni, magari in alluminio (molto resistente e meno costoso del carbonio), piuttosto che uno dalla scorrevolezza e leggerezza estrema, ben più adatto alle bici da corsa.

I cerchi, come già accennato, misurano solitamente 28″ (700C) anche se alcune gravel bike, montano una coppia da 27,5″ (650B) e devono poter ospitare pneumatici dalle dimensioni più disparate (in media dai 28 ai 44 mm).

Per il sistema di raggiatura si predilige solitamente la cosiddetta tecnica straight pull, cioè con testa del raggio dritta, che consente una maggiore reattività, rigidità e centratura della ruota.

Il sistema di fissaggio ruota più impiegato dalle aziende è quello con perno passante, grazie a cui è stato cancellato il grave rischio dello sgancio improvviso a causa delle forti vibrazioni su certi trail. Inoltre, per merito di questa tecnologia, si possono montare cuscinetti di maggiore dimensione, il mozzo è meno stressato e la rigidità della ruota è maggiore.

Il diametro del perno posteriore è mediamente di 12 millimetri, cioè 3 millimetri in meno rispetto a quello anteriore, mentre in caso di sistema a sgancio rapido QR (quick release) il diametro dei perni raggiunge i 10 mm.

Spostandoci sulla battuta dei mozzi, in caso di perno passante abbiamo 135 mm all’anteriore e 142 mm al posteriore, in caso di sgancio rapido scendiamo a 100 mm all’anteriore e 135 mm al posteriore, mentre se il telaio fosse allestito per ospitare i mozzi maggiorati usciti recentemente saliremmo a 148 mm per il carro.

Perché queste misure sono così importanti?

Perché più aumenta la larghezza del mozzo e meno stress si ha sulla ruota: questa infatti avrà una campanatura, cioè un’inclinazione dei raggi, maggiore con l’aumentare della dimensione del mozzo. Il perno passante inoltre crea un legame maggiore tra foderi/forcellini e mozzo, garantendo più precisione in curva e sullo sconnesso.

Freni a disco

Uno tra i massimi punti di forza delle bici gravel consiste nella presenza dei freni a disco (meccanici o idraulici), di solito con rotori da 140 o 160 millimetri.

bici gravel con i freni a disco

Il freno a disco consente una frenata più potente e modulabile rispetto ai classici pattini, oltre a un mantenimento delle prestazioni e affidabilità incredibile anche in presenza di asfalto bagnato o sentieri fangosi.

Movimento centrale

Il movimento centrale di una gravel presenta un “drop” maggiore rispetto a quello di una bdc, per attutire meglio le vibrazioni e gli urti su terreni accidentati.

Diverse gravel sono dotate di una scatola movimento “oversize”, cioè dal diametro maggiorato, in modo da rendere il sistema più rigido e montano la tipologia press-fit.

Manubrio

Essendo la posizione in sella più comoda e rialzata rispetto a quella da corsaiolo, il manubrio presenta un drop (altezza) maggiore di circa 2 cm ed è posto più vicino alla sella di 1 cm.

In questo modo il controllo del mezzo aumenta, mentre la stanchezza dovuta a una posizione troppo aerodinamica diminuisce nettamente.

Inoltre la presa risulta più alta ed è più semplice raggiungere le leve dei freni.

scopri le gravel bike come la Cannondale Slate

Sella

Le selle delle biciclette gravel sono solitamente più comode, imbottite e pesanti rispetto a quelle tradizionali da corsa. Per quanto riguarda i parametri di misurazione, l’altezza sella non differisce rispetto alle bdc.

Ovviamente, nella scelta del sellino tenete conto della tipologia di terreni da voi più affrontata: un’imbottitura maggiore è utile in caso di lunghe uscite su sterrato, mentre se doveste passare più tempo su asfalto potreste optare per un’imbottitura minore.

Alcune gravel bike permettono il montaggio di un reggisella telescopico, strumento indispensabile se si provenga dal mondo della mtb enduro e trail e si voglia godere di maggior sicurezza in discesa.

Pedali

I pedali a sgancio rapido, tipici della mtb, sono i più comodi e al contempo offrono buone performance su ogni terreno. Per questi motivi sono i più utilizzati in ambito gravel. La scelta però resta libera sempre in base all’uso della bici.

Telaio

I telai vengono costruiti solitamente in fibra di carbonio o in alluminio. Come per le bici da corsa, i modelli al top di gamma sono realizzati in fibra di carbonio, mentre quelli più economici in alluminio.

Il primo di questi due materiali è consigliato per un uso più stradista, soprattutto per chi voglia utilizzare una gravel come forma di allenamento invernale su strade non propriamente in perfette condizioni.

il telaio di una bici gravel

In qualche caso troviamo ancora telai in acciaio, perfetto per i cicloturisti alla ricerca di stabilità senza alcun tipo di interesse verso la performance.

Spostandoci sulle geometrie, notiamo come l’angolo di inclinazione del tubo piantone rispetto al terreno sia maggiore rispetto alle bdc e l’angolo di sterzo sia maggiormente aperto, consentendo una posizione di guida più rilassata e più stabilità in discesa.

Inoltre lo spazio tra i foderi deve essere tale da consentire il montaggio di gomme di una certa dimensione.

Da un punto di vista costruttivo, i foderi verticali risultano più lunghi rispetto a quelli da corsa in modo da garantire una migliore tenuta in caso di terreni accidentati, pur perdendo in reattività.

È molto importante anche lo spazio dedicato ai portaborraccia, estremamente utili soprattutto nel cicloturismo, poiché non penso che nessuno di voi vada in giro con un gilet portaborraccia da professionista.

Infine, nel caso in cui vi servano, guardate se il telaio sia attrezzato per fare posto ai parafanghi e al portapacchi, anche se sarebbe più confortevole e meno pesante l’adozione del sistema bikepacking.

Serie sterzo

Le serie sterzo integrate, cioè con l’introduzione a pressione dei cuscinetti nel canotto di sterzo, sono le più impiegate in assoluto. Essendo il canotto di forma conica vengono attenuate in maniera più efficiente le vibrazioni.

Trasmissione

Leggendo i cataloghi delle varie marche potrete notare le evidenti differenze tra le trasmissioni proposte dall’una e dall’altra.

La maggior parte delle gravel presenta una doppia davanti (soprattutto 52/36 e 50/34), anche se alcuni modelli sono dotati di monocorona.

Nel reparto del pacco pignoni, le bici prodotte recentemente dispongono di 11 velocità. A quota 10 troviamo solamente alcuni mezzi un po’ più datati.

Così come per mountain bike e bdc, soltanto le gravel più costose montano un cambio elettronico.

Qual è il compromesso migliore? Ancora una volta, dipende esclusivamente dai terreni che voleste affrontare. Sulle difficili salite alpine, sia su asfalto sia su sentiero, sarebbe forse preferibile montare corone da 50/34 e pignoni da 11-32, mentre per effettuare giri con minore dislivello positivo opterei per un 52/36 e 11-28.

Guida all’acquisto: perché comprare una gravel bike?

Dopo avere esaminato dettagliatamente le caratteristiche tecniche di una gravel bike, andiamo ad analizzarne i possibili usi e se possano essere concepite come un mezzo a sé stante e non solo come fuggevole alternativa rispetto alle mtb, bici da corsa e da ciclocross.

Innanzitutto la gravel potrebbe divenire il nuovo mezzo di riferimento per gli amanti del cicloturismo, impossibilitati a pedalare per ore e ore sui telai dalle geometrie estreme delle bici da corsa e men che meno su una bici da ciclocross o su una mountain bike.

Questa tipologia di bicicletta permetterà loro di macinare chilometri a volontà mantenendo una posizione confortevole e rilassata, oltre alla concreta possibilità di affrontare le strade bianche o addirittura certi sentieri (non troppo estremi ovviamente) in alternanza all’asfalto senza alcun problema.

Ricordatevi di acquistare una sella adeguatamente imbottita, di sfruttare il bikepacking nel caso in cui vi portiate a presso i bagagli e di montare una coppia di pneumatici adatta al vostro scopo (portatevi sempre dietro alcune camere d’aria di riserva se doveste optare per i copertoncini).

Per qualcuno di questi motivi, su certi tipi di percorsi, può essere scelta pure dai corridori delle randonnée, prove di lunga durata su strada che, talvolta, superano i 1.000 km di lunghezza.

un itinerario per gravel bike

Difatti, la comodità è una delle basi fondamentali per il randonneur il quale, se dovesse scegliere una gravel, opterà naturalmente per una versione stradale con copertoni adatti alle lunghissime distanze su asfalto.

Tra le altre cose, i freni a disco consentono generalmente una maggiore sicurezza rispetto ai classici pattini, soprattutto in presenza di terreni umidi e scivolosi.

Invece, sia per uno stradista sia per un biker è un ottimo mezzo di allenamento, grazie a cui cambiare un po’ scenari e divertirsi adoperando tecniche di guida e di pedalata diverse dal solito, ma senza snaturarle completamente.

A tal proposito, uno specialista della mountain bike potrebbe prediligere l’acquisto di una gravel più performante sui trail, mentre un ciclista su strada di una gravel in conformazione più da asfalto.

Inoltre molti sentieri e strade tendono a rovinarsi notevolmente nei mesi invernali a causa delle condizioni climatiche più rigide, divenendo impraticabili i primi ed estremamente pericolose per le classiche bici da corsa le seconde, come detto nella parentesi storica sulla nascita del fenomeno negli USA.

Dunque, perché non comprarsi una gravel al posto che rischiare grosso in certi periodi dell’anno oppure piuttosto di restarsene tristemente chiusi a casa a pedalare due/tre ore sui rulli (senza nulla togliere alla grande validità di questo strumento)?

Oltre ciò, vivendo ogni giorno la realtà di una grande città come Milano, una gravel garantisce buone velocità di percorrenza, ottima sicurezza su qualunque tipo di strada (buche, pavé…) e con qualunque meteo (come già detto, grazie ai freni a disco) oltre a un’incredibile comfort e alla possibilità di applicare una o più borse direttamente al telaio.

Quindi, al posto di raggiungere il posto di lavoro con la vostra bici da corsa, urban o mtb potreste pensare a una gravel bike, mezzo adatto a molteplici utilizzi in numerosi ambiti.

Gare per gravel bike: le gravel race

Le gravel race sono nate negli USA, sviluppandosi ben presto anche nel Regno Unito e in altre nazioni. In Italia, tra le mille discipline ciclistiche votate all’agonismo, hanno incominciato a inserirsi da un po’ di tempo pure le competizioni gravel.

Per avere un’idea del panorama internazionale delle gare per bici gravel vi consiglio di leggere la sezione “Calendar” sul sito: Gravelcyclist.com.

Per esempio, sfogliando semplicemente il calendario gare di giugno 2016 troviamo ben 37 manifestazioni, di cui 32 negli Stati Uniti, 2 nel Regno Unito e una a testa in Spagna, Canada e Italia, rappresentata dalla 100miglia – Tuscany Gravel Road Race con partenza da Radicondoli, in provincia di Siena e aperta a ogni tipo di bici (ebike comprese).

informazioni sulle bici gravel

Prove come Trans Iowa, The Oregon Stampede, Dirty Kanza 200, Ten Thousand, Barry Roubaix, Amish Country Roubaix, Green Mountain Double Century e non solo, sono già entrate a far parte dell’immaginario collettivo americano e rappresentano un sogno per molti ciclisti, stranieri compresi.

Da notare come Barry e Amish Country portino anche il nome Roubaix, luogo di arrivo della classica monumento Parigi-Roubaix, forse la prova da un giorno, mondiali esclusi, più ambita dai professionisti su strada.

In Italia hanno già raggiunto un’ottima fama, tra le altre, la Gravel Race Sesto Calende e la Lodi-Lecco-Lodi.

Dunque che cosa aspettate? Provate a pedalare su una gravel bike e scoprirete anche voi quanto sia entusiasmante!

A proposito dell'autore

Ha gareggiato per diverse stagioni nel mondo dell'atletica leggera come velocista prima di dedicarsi al ciclismo amatoriale. Grande appassionato di storia e di cultura sportiva, ha intrapreso la carriera giornalistica dopo la laurea in Lettere e ha fondato il team dilettantistico Fondocorsa assieme ad alcuni amici. In estate potreste trovarlo su Stelvio e Gavia, ma la salita non è proprio la sua specialità migliore.