L’UCI, il massimo organismo del ciclismo mondiale, nell’ufficializzare i calendari per la stagione agonistica di ciclismo su strada 2021 non poteva non tener conto del grande evento che, fatalmente, catalizzerà le maggiori attenzioni a livello sportivo nel corso dei prossimi mesi: i Giochi olimpici di Tokyo.

Rinviate a causa dell’emergenza sanitaria mondiale provocata dalla pandemia di Covid-19, le Olimpiadi nipponiche sono slittate di un anno, uno spostamento che inevitabilmente ha reso necessarie delle modifiche anche nel programma di corse del circuito World Tour 2021.

La prima e più importante divisione del ciclismo mondiale l’anno prossimo innanzitutto conterà 35 eventi, due in meno rispetto al 2020 per via delle assenze di Amgen Tour of California e Prudential Ride London-Surrey Classic, i cui organizzatori non hanno richiesto di iscrivere le loro manifestazioni nel calendario 2021.

Assieme a queste, le altre più importanti novità riguardano le date di svolgimento di alcune competizioni che, dovendo fare i conti con la presenza dal 23 luglio all’8 agosto 2021 della rassegna a cinque cerchi, in via del tutto eccezionale hanno leggermente variato la propria collocazione in calendario.

Il calendario UCI World Tour 2021 Strade Bianche vincitore 2019 Julian Alaphilippe

È questo, per esempio, il caso del Tour de France 2021, corsa la cui partenza è stata anticipata di una settimana per permettere agli atleti di volare in Giappone una volta conclusa l’ultima tappa.

Per quanto concerne l’Italia, il Bel Paese nel 2021 come nel 2020 sarà teatro di cinque eventi: la Strade Bianche, la Tirreno-Adriatico e la Milano-Sanremo in marzo, il Giro d’Italia a maggio e infine il Giro di Lombardia, ultimo evento europeo in programma il 9 ottobre 2021.

Purtroppo, nonostante tutte le gare abbiano trovato una sistemazione definita, anche quest’anno non si potrà trascurare un fattore importante come la diffusione del coronavirus, il cui andamento dei contagi e le conseguenti restrizioni in varie regioni del mondo potrebbero costringere molti organizzatori alla sofferta decisione di rinviare o addirittura cancellare i propri eventi.

A tal proposito è da segnalare come Santos Tour Down Under e Cadel Evans Great Ocean Road Race, corse australiane che avrebbero dovuto dare il là al World Tour 2021, siano già state annullate rimandando di fatto all’UAE Tour (in programma dal 21 al 27 febbraio) l’apertura del più importante calendario agonistico internazionale.

I primi eventi in Oceania hanno visto la riproposizione dello scenario che ha contraddistinto la stagione passata, un’annata caratterizzata da posticipazioni ed eliminazioni di gare in serie che hanno finito per concentrare e ridurre drasticamente il numero di competizioni disputate.

In questo caso, la loro cancellazione serve ancor più da monito per i prossimi mesi dove occorrerà navigare a vista e vigilare sulla situazione epidemiologica mondiale, una variabile che, in attesa dei progressi delle campagne di vaccinazione, bisognerà tenere in conto prendendo di volta in volta le decisioni del caso.

Il calendario UCI World Tour 2021 Tirreno-Adriatico vincitore 2019 Primoz Roglic

Calendario gare UCI World Tour 2021

Di seguito, ecco il calendario UCI World Tour 2021. Ogni corsa viene elencata con la relativa data e nazione di appartenenza.

Data Gara Nazione
19-24 gennaio Santos Tour Down Under ANNULLATO Australia
31 gennaio Cadel Evans Great Ocean Road Race ANNULLATO Australia
21-27 febbraio UAE Tour Emirati Arabi Uniti
27 febbraio Omloop Het Nieuwsblad Elite Belgio
6 marzo Strade Bianche Italia
7-14 marzo Parigi-Nizza Francia
10-16 marzo Tirreno-Adriatico Italia
20 marzo Milano-Sanremo Italia
24 marzo AG Driedaagse Brugge-De Panne Belgio
26 marzo E3 BinckBank Classic Belgio
22-28 marzo Volta Ciclista a Catalunya Spagna
28 marzo Gent-Wevelgem in Flanders Fields Belgio
31 marzo Dwars door Vlaanderen – A travers la Flandre Belgio
4 aprile Giro delle Fiandre Belgio
5-10 aprile Itzulia Basque Country Spagna
11 aprile Parigi-Roubaix Francia
18 aprile Amstel Gold Race Olanda
21 aprile Freccia Vallone Belgio
25 aprile Liegi-Bastogne- Liegi Belgio
27 aprile – 2 maggio Tour de Romandie Svizzera
1 maggio Eschborn-Frankfurt Germania
8-30 maggio Giro d’Italia Italia
30 maggio – 6 giugno Giro del Delfinato Francia
6-13 giugno Tour de Suisse Svizzera
26 giugno – 18 luglio Tour de France Francia
31 luglio Classica di San Sebastian Spagna
9-15 agosto Giro di Polonia Polonia
22 agosto EuroEyes Cyclassics Hamburg Germania
29 agosto Bretagne Classic – Ouest-France Francia
14 agosto – 5 settembre Vuelta di Spagna Spagna
30 agosto – 5 settembre BinckBank Tour BE-NE-LUX
10 settembre Grand Prix Cycliste de Québec Canada
12 settembre Grand Prix Cycliste de Montréal Canada
9 ottobre Il Lombardia Italia
14-19 ottobre Gree-Tour of Guangxi Cina

Proviamo ora ad entrare nel dettaglio delle corse più attese e prestigiose del calendario UCI World Tour 2021.

Strade Bianche: 6 marzo 2021

La più “meridionale” delle classiche del nord anche nel 2021 sarà il primo appuntamento di spicco del grande ciclismo. Corsa nel suggestivo e polveroso scenario delle bianche crete senesi, la Strade Bianche è una delle manifestazioni più affascinanti e apprezzate dell’intero calendario tanto dai tifosi quanto dai corridori stessi.

Pur con una storia piuttosto breve alle spalle (la prima edizione si è disputata nel 2007), negli anni questa gara è diventata una delle più iconiche dell’intero panorama mondiale anche grazie ai tanti vincitori di spicco che sono riusciti a imporsi sul traguardo di Piazza del Campo a Siena: da Fabian Cancellara a ex campioni del mondo come Philippe Gilbert e Michal Kwiatkowski fino al trionfatore dell’edizione 2020 Wout van Aert, tre volte iridato nel ciclocross.

Il belga, portacolori del Team Jumbo-Visma (da quest’anno equipaggiato con bici Cervelo), dopo l’exploit dell’anno scorso che gli è valso il successo su Davide Formolo e Maximilian Schachmann proverà a ripetersi nel 2021 su un percorso che, tra strappi impervi e impegnativi settori di sterrato, si addice perfettamente a uomini esplosivi e dotati di tecnica e resistenza come lui.

Vi invitiamo a visitare il sito ufficiale delle Strade Bianche per ulteriori informazioni.

Il calendario UCI World Tour 2021 Giro delle Fiandre vincitore 2019 Alberto Bettiol

Tirreno-Adriatico e Parigi-Nizza: 7-16 marzo 2021

La “corsa del sole”in Francia (7-14 marzo 2021) e quella dei “due mari” (10-16 marzo 2021) in Italia rappresenteranno il primo test di un certo rilievo per gli uomini che poi vedremo contendersi più avanti durante la stagione le più importanti corse a tappe.

La manifestazione transalpina, spesso funestata da condizioni climatiche poco clementi, nel 2020 è stata l’ultima gara disputata prima del lockdown e ha visto il successo di Maximilian Schachmann davanti a Tiesj Benoot e Sergio Higuita.

Quest’anno, nella consueta e tortuosa discesa verso la Costa Azzurra, tra chi prenderà il via per preparare la Milano-Sanremo e chi invece andrà a caccia della prima affermazione personale, saranno in tanti ad animare un tracciato che si spera, a differenza dell’anno passato quando l’ultima tappa è stata annullata, possa essere percorso nella sua interezza.

Qualche chilometro più a ovest invece andrà in scena la Tirreno-Adriatico, competizione che con frazioni adatte a tutti i tipi di corridori porterà il gruppo dei partecipanti da una costa italiana all’altra. Per qualche giornata sovrapposta alla Parigi-Nizza, anche la breve corsa a tappe nostrana (nel 2020 disputatasi a settembre e vinta da Simon Yates su Geraint Thomas e Rafal Majka) sarà un ottimo viatico per l’imminente Classicissima e, al contempo, un allenante banco di prova per gli uomini da grandi giri.

A conquistarla a ogni modo, visto l’interessante mix di muri, arrivi veloci, cronometro e traguardi in salita, sarà per forza un atleta completo e regolare, capace di non cadere nelle tante insidie disposte nelle varie frazioni.

Per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale della Tirreno-Adriatico e della Parigi-Nizza.

Il calendario UCI World Tour 2021 Liegi-Bastogne-Liegi vincitore 2019 Jakob Fuglsang

Milano-Sanremo: 20 marzo 2021

Nota anche come il “Mondiale di primavera”, la Milano-Sanremo (la corsa più lunga del calendario World Tour 2021) non vede l’ora di riabbracciare la sua collocazione naturale in marzo dopo che, nel 2020, la pandemia ne ha variato non solo la data ma anche il tracciato.

Nella passata stagione, infatti, la Classicissima non solo è andata in scena nell’insolito scenario di agosto ma si è sviluppata soprattutto lungo un percorso inedito, una scelta obbligata dopo l’opposizione dei sindaci del savonese al transito della manifestazione lungo la rinomata Aurelia.

Nonostante i tanti cambiamenti, lo spettacolo però non è venuto meno grazie all’azione sul Poggio (una delle due salite simbolo nel finale di corsa assieme alla Cipressa) di Julian Alaphilippe, acciuffato e poi battuto sul traguardo sanremese di Via Roma dall’unico uomo in grado di resistergli: Wout Van Aert.

Il belga così, con il successo in quella che è la prima classica monumento della stagione, ha centrato una storica doppietta con la Strade Bianche, impresa che nel 2021 lo obbligherà a superarsi se vorrà difendere i titoli conquistati in entrambe le manifestazioni. A contendergli il successo, in una gara che si presta agli esiti più disparati, vi saranno sia i più forti velocisti in gruppo che gli attaccanti più audaci: lo spinoso e imprevedibile duello fra queste due fazioni del gruppo animerà ancora una volta le nobili strade della Sanremo il 20 marzo 2021.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito ufficiale della Milano-Sanremo.

Giro delle Fiandre e Parigi-Roubaix: 4 e 11 aprile 2021

Conosciuta anche come la “Settimana Santa”, i giorni che vanno dal Giro delle Fiandre (4 aprile, domenica di Pasqua) alla Parigi-Roubaix (11 aprile) sono i più attesi per gli appassionati e i corridori delle classiche del nord.

Dopo le tante corse di antipasto nelle settimane precedenti, con la “Ronde”e l’Inferno del Nord si tocca l’apice del prestigio e della battaglia. Entrambe classiche monumento di lunga data, queste due corse sono tra le gare più ambite del calendario e trionfare in una di queste può consacrarti immediatamente nell’olimpo delle due ruote.

Il Giro delle Fiandre, pur con qualche modifica nel tracciato negli ultimi anni, si deciderà sempre sui ripidi muri in pavé che caratterizzano la campagna belga di questa regione dove il ciclismo è religione. Nel 2020 si è disputata un’edizione memorabile che, sebbene non presentasse il pubblico sulle strade, è stata infiammata dal duello tra i due grandi rivali del ciclocross Mathieu van der Poel e Wout Van Aert, con quest’ultimo che alla fine si è dovuto arrendere allo sprint al campione olandese.

La Roubaix invece, purtroppo, è stata l’unica classica monumento a non svolgersi per il Covid-19 la scorsa stagione. L’attesa, dunque, nel 2021 si annuncia ancora più spasmodica con i passisti che, dopo due anni dall’ultima partecipazione, non vedranno l’ora di mettersi alla prova sui famosi settori di pavé sconnesso come quelli della Foresta di Arenberg, di Mons-en-Pévèle e del Carrefour de l’Arbre che esalteranno certamente corridori potenti e dotati di grande tecnica nella guida della bici.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del Giro delle Fiandre e della Parigi-Roubaix.

Il calendario UCI World Tour 2021 Giro di Lombardia vincitore 2019 Bauke Mollema

Trittico delle Ardenne: 18, 21 e 25 aprile 2021

Dopo quella “Santa”il calendario 2021 propone subito un’altra settimana di fuoco con il Trittico delle Ardenne, prove contraddistinte da strappi secchi e con pendenze in doppia cifra, ideali per corridori esplosivi e resistenti.

Ad aprire le danze sarà come sempre la classica della birra, l’Amstel Gold Race (18 aprile 2021) che tornerà a disputarsi dopo lo stop del 2020 dovuto alla pandemia. Il cuore della corsa olandese sarà ancora una volta il Cauberg che, dopo esser stato sede d’arrivo nelle passate edizioni, di recente si è trasformato in trampolino di lancio ideale per scompaginare un’ultima volta le carte in gioco e provare a fare la differenza evitando così l’arrivo in volata sul traguardo di Valkenburg.

Tra la domenica dell’Amstel e quella della Liegi andrà in scena la Freccia-Vallone (21 aprile), preda nel 2020 di un irresistibile Marc Hirschi, capace di battere Benoit Cosnefroy e Michael Woods in cima alle severe rampe del Muro di Huy.

Anche nel 2021 la ripida erta conclusiva sarà il faro della corsa, il punto in cui molti dei protagonisti attesi daranno sfogo a tutta la loro potenza giocandosi le proprie carte e provando così a portare a casa una classica di valore.

A chiudere la settimana, infine, vi sarà la Decana delle classiche, la Liegi-Bastogne-Liegi (25 aprile 2021), la più antica delle gare di un giorno presenti in calendario. Disputata per la prima volta nel 1892, anche se con un finale rinnovato di recente, a indirizzare la Doyenne saranno anche nel 2021 le alture e le colline nei dintorni di Liegi dove, nel 2020, si è assistito ad un finale a dir poco rocambolesco.

A stravolgere in questo caso le ultime centinaia di metri ci ha pensato Julian Alaphilippe che, da fresco campione del mondo, prima ha rischiato di far cadere in volata i suoi rivali, poi ha esultato troppo presto venendo infilato da Primož Roglič (primo davanti a Marc Hirschi e Tadej Pogačar) e quindi è stato irrimediabilmente declassato.

Per la sua lunghezza e il suo tracciato esigente nel 2021 (quando tornerà originariamente a fine aprile) vi sarà ancora una volta un ampio ventaglio di favoriti a contendersi il successo e fra questi non mancheranno sia i cacciatori di classiche che gli uomini da grandi giri.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito ufficiale dell’Amstel Gold Race, della Freccia Vallone e della Liegi-Bastogne-Liegi.

Il calendario UCI World Tour 2021 Giro d'Italia vincitore 2019 Richard Carapaz

I tre Grandi Giri: Giro d’Italia, Tour de France, Vuelta di Spagna

Cronometro, volate, arrivi da finisseur e, ovviamente, tante salite. Per la ricchezza e la varietà degli arrivi che presentano, sono in tanti a voler far bene e a mettere al centro della propria stagione almeno una grande corsa a tappe.

Assieme alle classiche monumento, queste manifestazioni sono quelle di maggior prestigio e garantiscono la più ampia visibilità internazionale. Un successo parziale qui ha un eco enorme, per non parlare poi della vittoria nella classifica generale, trionfo che in molti casi può cambiare o nobilitare definitivamente una carriera.

Dopo un 2020 che ha stravolto la loro collocazione in calendario e ha fatto slittare di diversi mesi il loro svolgimento, quest’anno (pandemia permettendo) queste tre competizioni torneranno più o meno nel loro spot abituale.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del Giro d’Italia, del Tour de France e della Vuelta di Spagna.

Giro d’Italia 2021

Ad aprire dunque la stagione delle grandi corse a tappe sarà il Giro d’Italia 2021 (8-30 maggio) dove il vincitore della passata edizione Tao Geoghegan Hart (primo davanti a Jai Hindley e Wilco Kelderman) metterà in palio la maglia rosa conquistata lo scorso ottobre a Milano. Saranno in tanti, ingolositi dalla posta in gioco, a correre la Corsa Rosa con ambizioni di vittoria e propositi bellicosi. Nel colorato show di fine primavera che i grandi interpreti del pedale sapranno sicuramente animare non mancherà anche una buona parte dei pretendenti al titolo olimpico di Tokyo.

La rassegna a cinque cerchi andrà in scena a fine luglio ma molti, scegliendo un approccio più tranquillo, opteranno per disputare la gara a tappe italiana in preparazione agli impegni dei Giochi.

Tour de France 2021

Chi invece non sceglierà questa via quasi certamente prenderà invece la strada del Tour de France 2021 (26 giugno-18 luglio) che, proprio per l’appuntamento nipponico, comincerà con una settimana di anticipo rispetto al consueto.

A differenza dell’edizione 2020 conclusa con l’incredibile rimonta di Tadej Pogacar ai danni di Primoz Roglic (secondo alle spalle del connazionale ma davanti a Richie Porte), quella di quest’anno grazie alle due cronometro in programma chiama maggiormente alla scoperta i passisti scalatori piuttosto che i grimpeur puri.

In ogni caso, trattandosi della corsa a tappe più importante al mondo, non mancheranno spettacolo, agonismo e voglia di lottare fino in fondo per arrivare fasciati con la maglia gialla sugli Champs-Elysees di Parigi.

Vuelta di Spagna 2021

Terminate le Olimpiadi e prima dell’appuntamento con gli Europei di Trento (8-12 settembre 2021) e i Mondiali nelle Fiandre (19-26 settembre), si disputerà quindi la Vuelta di Spagna 2021 (14 agosto-5 settembre), manifestazione che nel 2020 ha visto trionfare per il secondo anno consecutivo Primoz Roglic davanti a Richard Carapaz e Hugh Carthy.

Posta in un momento ideale della stagione per preparare gli ultimi cruciali appuntamenti dell’anno, la corsa iberica rappresenterà anche l’ultima occasione per gli uomini da grandi giri di chiudere sulle note alte la propria annata facendo bene in una corsa a loro molto adatta.

Solitamente infarcita di strappi e arrivi in salita, più di Giro e Tour la Vuelta è più di tutte la corsa che strizza l’occhio agli scalatori puri che, avendo tanti chilometri di terreno favorevole, possono fare la differenza e darsi battaglia a viso aperto in più d’un occasione senza perdere di vista l’obiettivo finale: la maglia rossa sul podio di Madrid.

Il calendario UCI World Tour 2021 Milano-Sanremo vincitore 2019 Julian Alaphilippe

Il Lombardia: 9 ottobre 2021

Archiviata la parentesi di Ferragosto, nel 2021 Il Lombardia tornerà a chiudere il calendario World Tour in Europa ritrovando la propria usuale collocazione autunnale (9 ottobre) e presentandosi come potenziale rivincita per tutti i delusi del Mondiale e, più in generale, delle ultime corse della stagione.

In particolare, la “classica delle foglie morte”si addice a quei corridori dotati di fondo e spunto in salita in grado, sulle tante difficoltà altimetriche offerte dal tracciato lombardo, di esaltarsi e fare la differenza.

Nel 2020 la gara è vissuta sul dualismo tra George Bennett e Jakob Fuglsang (poi vincitore con il prezioso lavoro del compagno Alexandr Vlasov) ma soprattutto ha conosciuto attimi di terrore a causa della spaventosa caduta nella discesa della Colma di Sormano di Remco Evenepoel, baby fenomeno che quest’anno, mosso da sicura voglia di rivalsa, farà di tutto per essere protagonista e dare spettacolo da febbraio a ottobre.

Per ulteriori informazioni su quest’evento World Tour vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del Giro di Lombardia.

E buona stagione a tutti!

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ciclista milanese sempre pronto a fiondarsi verso la campagna e il mare, alla ricerca di itinerari poco battuti in cui ristorare corpo e anima. Sulla sua bici da strada ama tanto darsi all’esplorazione lenta quanto sfidare le pendenze delle montagne mitiche, teatro di quelle imprese che hanno acceso in lui una passione vivissima e totale che ogni giorno prova a trasmettere attraverso i suoi scritti.