[Update 5 maggio 2020]: Oggi l’UCI, ha rinviato la Strade Bianche al 1°agosto 2020 e sarà il primo evento del nuovo calendario UCI World Tour 2020

Siena sarà nuovamente città di partenza e arrivo: è ormai già entrato nella storia il traguardo nella bellissima Piazza del Campo dopo il duro muro di Via S. Caterina.

La Strade Bianche è una corsa recente (nel 2020 assisteremo alla 14esima edizione) capace fin da subito di catturare l’attenzione dei più grandi corridori del circuito e degli appassionati.

Grazie allo sterrato, al terreno accidentato e ai muri, questa gara si accende fin dai primi chilometri, tagliando fuori i corridori meno in condizione. Al traguardo di Siena arrivano solo i più forti e a vincere sono soltanto grandissimi nomi: Fabian Cancellara (tre volte), Philippe GilbertMichal Kwiatkowski (due volte), Julian Alaphilippe.

Nell’Albo d’Oro un solo italiano, Moreno Moser nel 2013, ritiratosi quest’anno.

Il corridore Julian Alaphilippe vincitore della gara Strade Bianche

Il percorso della Strade Bianche 2020

Il percorso della Strade Bianche, organizzata da RCS, è quasi sempre lo stesso da 14 anni a eccezione di alcune piccole modifiche che non cambiano però la sostanza della corsa. Gli elementi cardine sono proprio le Strade Bianche, settori più o meno lunghi in ghiaia in grado di mettere in seria difficoltà i corridori.

In tutto, nonostante non sia ancora ufficiale, saranno 63 chilometri in sterrato divisi in 11 settori.

In alcune edizione dell’Eroica è capitato che il gruppo incontrasse tempo contrario: pioggia e vento hanno ulteriormente reso più complicate le cose, trasformando lo sterrato in fango e terreno accidentato.

Andando più nello specifico, ufficiosamente, il plotone partirà da Siena e nei primi 15 chilometri alcuni più coraggiosi tenteranno la fuga.

Al chilometro 17,6 affronteranno il primo tratto di strade bianche lungo 2,1 km, ma la prima vera difficoltà sarà superata dopo 25 km dall’inizio della corsa, quando i corridori incontreranno il secondo settore in ghiaia di 5,8 km in salita, con tratti anche al 10% di pendenza media (Ville di Corsano).

Il Gruppo di corridori sotto la pioggia e vento durante la gara Strade Bianche

Da Radi a Buonconvento non ci sono particolari difficoltà altimetriche, così che le squadre potranno aiutare i capitani a prendere nelle prime posizioni la Salita di Montalcino (4 km al 5%). Dopo un leggero saliscendi è presente un tratto (diviso in due parti) di quasi 20 chilometri in sterrato che sicuramente taglierà le gambe a gran parte del gruppo.

Gli ultimi 50 chilometri sono quelli più complicati, caratterizzati da muri e discese molto veloci intervallate da settori di strade bianche di difficile interpretazione, come il numero 8 (Monte Sante Marie) di oltre 11 km.

La corsa verrà però decisa negli ultimi 15 mila metri, quando un gruppo molto ristretto affronterà l’ultimo tratto accidentato, Le Tolfe, con pendenze anche del 18%.

Dallo scollinamento mancherà pochissimo: a 2 chilometri dal traguardo la strada prende Via Esterna di Fontebranda (9% di pendenza) e Via di Santa Caterina, duecento metri durissimi con tratti anche al 16%. Proprio qui si decideranno le sorti della corsa: chi scollina in prima posizione molto probabilmente arriverà al traguardo di Siena a braccia alzate.

La mappa del percorso Strade Bianche 2020

Startlist Strade Bianche 2020

Alla Strade Bianche 2020 saranno presenti 17 formazioni UCI World Tour 2020 e sei team professional invitati dall’organizzazione: Alpecin-Fenix, Arkèa Samsic, Wanty Gobert, Androni Giocattoli, Bardiani CSF e B&B Hotels-Vital Concept.

Mai come quest’anno sarà difficile individuare i nomi che potranno trionfare alla Strade Bianche 2020: partiamo dal vincitore dell’ultima edizione Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep), proveniente da un 2019 stellare con anche la Milano-Sanremo, la Freccia Vallone, due tappe al Tour de France (oltre 10 giorni in Maglia Gialla) e alla Tirreno-Adriatico. Il francese è pronto a replicare partendo dalla sua seconda “Eroica”.

Il transalpino l’anno scorso ha di poco superato il danese Jakob Fuglsang (Astana) e il belga Wout Van Aert (Jumbo-Visma), mago del ciclocross, pronti entrambi a prendersi la rivincita.

Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) ha da sempre mostrato molto amore per la Strade Bianche sebbene non abbia ancora alzato le braccia sul traguardo di Siena.

Il corridore Vincenzo Nibali partecipa alla gara Strade Bianche 2020

Anche noi italiani potremo però presentare alcuni dei favoritissimi: Alberto Bettiol (EF Pro Cycling), dopo il magnifico successo al Giro delle Fiandre, è chiamato a confermare tutte le sue grandissimi abilità su questi percorsi. Partono con grandi ambizioni anche Vincenzo Nibali Gianluca Brambilla, capitani della Trek-Segafredo, e Gianni Moscon (Team Ineos) che dovrà però dividersi con l’ex campione del mondo Michal Kwiatkowski.

Tanti anche i possibili outsiders: Mathieu Van der Poel (Alpecin-Felix), Philippe Gilbert (Lotto Soudal), Romain Bardet (Ag2r La Mondiale), Greg Van Avermaet (CCC Team) e Tiesj Benoot (Team Sunweb), vincitore nel 2018, sono solo alcuni dei capitani delle 23 formazioni che prenderanno parte alla Strade Bianche 2020.

Per gli appassionati di ciclismo consigliamo il nostro articolo sulle migliori biciclette dei team World Tour 2020, mentre per maggiori informazioni sulle Strade Bianche 2020 vi invitiamo a seguirne il sito ufficiale.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ama scrivere fin da quando era piccolo e questo lo ha portato a raccontare storie sul suo sport preferito, il ciclismo. Un'attività fisica che prova anche a praticare sia per piacere sia soprattutto per capire le difficoltà, le fatiche ma anche le gioie e i successi dei campioni che ogni giorno ci emozionano sulle strade.