Invia a un amico










Inviare

Domenica 28 aprile si correrà la Liegi-Bastogne-Liegi 2019, la quarta delle quinte cinque classiche monumento del calendario UCI World Tour 2019, insieme alla Milano-Sanremo, il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix e il Giro di Lombardia.

Nel corso degli anni questa corsa ha visto fiori di campioni sfidarsi tra le molteplici cotes della Vallonia: dal 1892, quando venne fondata dalla Liege Cyclist Union, vide susseguirsi vincitori come Rik Van Looy, Eddy Merckx, recordman con cinque successi, Moreno Argentin (vincitore 4 volte), Michele Bartoli e Alejandro Valverde, tutti corridori da grandi classiche vallonate che hanno segnato a fondo la storia del ciclismo internazionale.

La Doyenne per questa edizione prevederà un cambio sostanziale di percorso, soprattutto nella parte finale, quella più interessante e decisiva per le sorti della gara.

Andiamo ora ad analizzare nel dettaglio il tracciato nella quale si sfideranno i grandi campioni del ciclismo internazionale.

Percorso Liegi-Bastogne-Liegi 2019

Il percorso della Liegi-Bastogne-Liegi 2019

Gli organizzatori ASO per il 2019 hanno modificato il finale della corsa, che non terminerà come di consueto ad Ans, ma nella città omonima che dà alla corsa il nome.

Il percorso è lungo 256 chilometri: si parte da Liegi, dove il gruppo lascerà partire la fuga di giornata che sarà protagonista nella prima parte della corsa. Ufficialmente sono state conteggiate 11 cotes, tuttavia sarà un continuo saliscendi fin dalle prime battute della gara.

La prima cote segnalata è al 75esimo chilometro, la Roche en Ardenne (3 km al 6,2%), ma non dovrebbe rompere l’equilibrio del gruppo, i favoriti infatti cercheranno di mantenere le prime posizioni per non farsi trovare impreparati. Al 102esimo chilometro si arriverà a Bastogne, dove il gruppo riprenderà la sua corsa verso nord.

Si entrerà nel vivo della corsa dal 161esimo chilometro, quando si susseguiranno ben sei cotes di fila in poco più di 50 chilometri: tra queste ricordiamo, Mont le Soie (2 km al 7,9%), de Stockeu (1 km al 12,5%) e il Col du Rosier (4 km al 5,9%).

Profilo altimetrico Liegi-Bastogne-Liegi 2019

Il finale infuocato è negli ultimi 35 chilometri, dove il gruppo ormai ridotto al minimo si giocherà la vittoria. Qualcuno nelle ultime tre cotes cercherà sicuramente di scappar via, ma le alte velocità del plotone potrebbe rendere difficile una fuga.

Al km 219 si affronterà la Cote de Redoute (2 km all’8,9%), segue la Cote de Forges (1 km al 7,8%). Tutto si giocherà alla Cote de la Roche aux Faucons (1 km all’11%), dove capiremo quali corridori potranno giocarsi la vittoria.

Dallo scollinamento de la Roche aux Faucons mancheranno 15 chilometri, molti dei quali in pianura e in discesa.

L’arrivo a Liegi non prevede infatti come negli scorsi anni il muro finale di Ans, che molto spesso ha deciso le sorti della Doyenne. Era dal 1992 che la Liegi Bastogne Liegi terminava sul muro di 1,5 km al 10%, lì dove Alejandro Valverde ha centrato il successo per ben quattro volte.

L’ultimo strappo, nel 2019, è posto molto più lontano rispetto alle scorse edizioni: i corridori potrebbero non aspettare gli ultimi chilometri per attaccare, ma cambiare le sorti della corsa e renderla dunque più interessante già nelle ultime due ore di gara.

Gruppo ciclisti durante la Liegi-Bastogne-Liegi

Probabili favoriti della Liegi-Bastogne-Liegi 2019

Alla Liegi-Bastogne-Liegi 2019 saranno presenti tutti i team del circuito UCI World Tour 2019, con l’aggiunta di sette formazioni Continental: Wanty Groupe Gobert, Cofidis, Arkèa Samsic, Direct Energie, Vital Concept, Sport Vlaanderen, Wallonie Bruxelles.

Tra i primissimi favoriti non possiamo non citare Bob Jungels, capitano dello squadrone belga Deceuninck Quick-Step e vincitore dell’edizione 2018 della Liegi-Bastogne-Liegi. Il lussemburghese ha approfittato del marcamento dei più forti del gruppo per evadere e trionfare a braccia alzate.

La Quick Step potrà però contare anche sul talentino francese Julian Alaphilippe, finalmente sbocciato lo scorso anno e Philippe Gilbert, vincitore della Doyenne anche nel 2011 quando fece tripletta nelle Ardenne, vincendo anche l’Amstel Gold Race e la Freccia Vallone.

Attacco Jungels durante la Liegi-Bastogne-Liegi del 2018

Altro squadrone da tenere sott’occhio è la Movistar, che ha nel Campione del Mondo di Innsbruck Alejandro Valverde il suo uomo di fiducia. Il murciano, come abbiamo ricordato precedentemente, ha vinto per ben quattro volte la Doyenne e dunque si candida tra i favoriti per raggiungere il quinto successo, nonostante l’età ormai molto avanzata. La formazione spagnola però potrà contare anche su due abili scalatori come Nairo Quintana Mikel Landa sia per aiutare il capitano, sia per cercare onori personali.

I francesi Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) e Thibaut Pinot (FDJ), con il loro spirito combattivo possono giocare le proprie carte anche prima dell’ultima cote e quindi rendere più viva la corsa.

Animo attaccante anche per il nostro Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), che nel 2012 arrivò secondo proprio attaccando da lontano, e per il belga Tim Wellens (Lotto-Soudal) che ben conosce queste strade.

Nibali durante una gara Liegi-Bastogne-Liegi

Anche il Team Sky è uno squadrone pronto a puntare su più corridori: Michal Kwiatkowski è sicuramente il primo: il campione del mondo 2014 è pronto a portare a casa la sua seconda classica monumento dopo aver vinto la Milano-Sanremo 2017. Occhio anche a Wout Poels vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi nel 2016 e al nostro Gianni Moscon, talento incredibile ancora tutto da dimostrare.

Molti potrebbero essere gli outsider: Tom Dumoulin (Team Sunweb), i fratelli Simon Adam Yates (Mitchelton-Scott), Micheal Woods (Education First), Michael Valgren (Dimension Data) e Rui Costa (UAE Team Emirates).

Granfondo Liegi-Bastogne-Liegi 2019

Il giorno prima della gara dei professionisti si svolgerà la Granfondo Liegi-Bastogne-Liegi 2019 per cicloamatori. Gli appassionati, provenienti da tutto il mondo, avranno l’opportunità di pedalare sulle stesse strade dei “grandi”, sulle stesse famosissime cotes come la Redoute e il Saint Nicolas.

Ci saranno tre percorsi: il più lungo e avvincente di 274 chilometri che ricalca esattamente il tracciato dei pro con tutte le cotes che hanno fatto la storia della corsa, uno medio di 154 km e uno breve di 75 km.

Cotes della Liegi-Bastogne-Liegi 2019

L’iscrizione è online già dal 29 novembre 2018 e ha un prezzo diverso in base a quale delle tre corse ci si vuole iscrivere e al momento del pagamento. Da dicembre fino al 12 aprile è possibile iscriversi a un costo di 60, 50 e 30 euro, mentre il giorno stesso della gara il prezzo sale a 65, 55 e 35.

Per ulteriori informazioni sulla corsa, sui favoriti e sul percorso vi invitiamo a visitare il sito ufficiale della Liegi-Bastogne-Liegi 2019.

Ricordiamo ai nostri lettori e appassionati di cicloturismo che nel nostro sito abbiamo realizzato un articolo dedicato a tutte le più importanti granfondo italiane della stagione 2019.

Invia a un amico










Inviare
iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ama scrivere fin da quando era piccolo e questo lo ha portato a raccontare storie sul suo sport preferito, il ciclismo. Un'attività fisica che prova anche a praticare sia per piacere sia soprattutto per capire le difficoltà, le fatiche ma anche le gioie e i successi dei campioni che ogni giorno ci emozionano sulle strade.