La Scott Addict RC 10 è senza dubbio tra le bici più performanti del reparto corsa dell’azienda elvetica (www.scott-sports.com). Una bici decisa e reattiva fatta per scalare e scattare, un’ottima rappresentazione della direzione in cui stanno andando le bici da corsa odierne.

Viene venduta al pubblico a un prezzo di 6.299 euro (IVA inclusa) ed è tra le punte di diamante del catalogo 2021 delle bici da strada Scott.

Abbiamo testato questa bici su alcune delle salite storiche del ciclismo come il Ghisallo, l’abbiamo portata in gruppo, sotto la pioggia, nelle pianure ventose e anche su qualche strada bianca. La Scott Addict ha sempre evidenziato la sua personalità, facendosi apprezzare soprattutto per reattività e maneggevolezza.

Il telaio è un RC Disc in carbonio HMX, la casa dichiara un peso (senza pedali) di 7,98 chilogrammi, il gruppo è uno SRAM Force AXS a 24 velocità per offrire al ciclista una gamma di rapportature veramente adatta a qualsiasi condizione.

Sergio Viganò in sella alla nuova bici da strada Scott Addict RC 10 2021

Scott Addict RC 10: caratteristiche tecniche

Il telaio della Scott Addict RC 10 e la sua forcella sono in carbonio HMX e predisposti per il montaggio dei freni a disco. Si tratta di un telaio con passaggio cavi interamente integrato e dotato di alcune soluzione tecniche che impreziosiscono un oggetto già molto performante.

Sulla forcella per esempio si trova una copertura magnetica a protezione del punto di fissaggio della pinza freno, un elemento che, oltre a essere di una praticità estrema, aiuta a rendere le linee di questa bici ancor più pulite.

Lo sviluppo di questo telaio è stato volto a massimizzare sia la rigidità della bici sia la sua aerodinamicità, in modo da creare un mezzo il più possibile reattivo ma che fosse anche in grado di ridurre la resistenza all’aria.

Il gruppo è uno SRAM Force eTap AXS a 24 velocità, che sul modello che abbiamo testato installava corone da 48 e 35 e un pacco pignoni a 12 velocità 10-33.

Dettaglio del cambio Sram montato sulla nuova bici da strada Scott Addict RC 10 2021

Anche i freni sono SRAM Centerline XR da ben 160 mm sia all’anteriore sia al posteriore. Il resto della componentistica è affidata a Syncros a partire dal manubrio Creston iC 1.5 Compact che lavora in perfetta armonia con il telaio e consente il passaggio interno dei cavi in modo ottimale.

Anche le ruote sono Syncros, più precisamente delle Capital 1.0 35 Disc con perno passante e montano dei Pneumatici Schwalbe One RaceGuard 700x28c.

Catalogo bici da strada e gravel 2021 Scott

Scott Addict RC 10 2021: Scheda tecnica

  • Taglie: dalla 47 (xxs) alla 61 (xxl)
  • Telaio: Addict RC Disc HMX
  • Serie sterzo: Syncros Addict RC integrated
  • Reggisella: Syncros Duncan 1.0 Aero
  • Passaggio cavi: interno
  • Forcella: Addict RC HMX Flatmount
  • Peso: 7,98 kg dichiarati
  • Freni: SRAM Cenerline XR 160mm A/P
  • Gruppo: SRAM Force eTap AXS con misuratore di potenza
  • Copertoni: Schwalbe One RaceGuard 700x28c
  • Prezzo: 6.299 euro

Sergio Viganò pedala sulla strada con la nuova bici Scott Addict RC 10 2021

Scott Addict RC 10 2021: il test

La Scott Addict RC 10 è una bici che concede subito molta confidenza: le stesse geometrie che le donano una grande maneggevolezza la rendono intuitiva e facile da guidare. Questa sua caratteristica si traduce in una maggior rilassatezza in sella e nella possibilità di trovare un feeling di guida ottimale in breve tempo.

Il telaio si distingue soprattutto per la sua reattività oltre che per la maneggevolezza: anche per chi non avesse particolare esperienza con le bici da corsa, il modo in cui la forza applicata al pedale si traduce in movimento è veramente molto evidente.

In salita, nei rilanci e nelle volate questa bici dona veramente grandi soddisfazioni, è innegabile che questo telaio dia un aiuto palpabile a chi si trova in sella in queste condizioni. Personalmente è proprio in queste condizioni che ho riscontrato maggiormente la forza dell’Addict RC 10.

Su salite lunghe come può essere quella del Ghisallo, rispetto a uscite fatte con altre bici, ho trovato una facilità nel mantenere il passo: questa situazione non è sicuramente da imputare a una mia particolare buona condizione, in quanto purtroppo le mie ore in sella negli ultimi mesi si son ridotte di molto.

Sergio Viganò azzarda una piega con la nuova bici da corsa Scott Addict RC 10 2021

Sia in salita che nei rilanci dopo le curve la bici segue molto bene, anche quando ci si alza sui pedali non si ha mai la sensazione che si scomponga, aspetto che contribuisce ad aumentare la sicurezza anche se si portano le spalle in posizione più avanzata sul manubrio.

Nelle uscite in pianura caratterizzate da forte vento laterale invece ho avuto la sensazione che questo si percepisse un po’ troppo marcatamente, aspetto che personalmente riconduco a una sezione degli steli della forcella più piatti e allungati, scelta adottata dagli ingegneri elvetici per migliorare l’aerodinamica frontale e integrare in modo magistrale l’attacco della pinza freno.

Le ruote Syncros hanno un’ottima scorrevolezza e un profilo che le rende molto democratiche nel loro utilizzo, lavorano egregiamente con i copertoni Schwalbe da 28 che, oltre ad avere un buon rotolamento, aumentano non poco sia la comodità della bici mentre si è in sella sia il feeling in ingresso e percorrenza curva, veramente una bella sorpresa soprattutto lungo le discese.

Dettaglio della ruota e dei freni a disco della nuova bici da corsa Scott Addict RC 10 2021

L’impianto frenante SRAM installa due super dischi da 160 mm che svolgono egregiamente il loro lavoro consentendo di avere una frenata forte e abbastanza modulabile (mi chiedo se non sia sufficiente anche l’utilizzo di dischi più piccoli per avere una frenata ugualmente efficace).

Ultimo, ma non meno importante, è il gruppo SRAM Force AXS, in una rapportatura per me inedita su cui, per onestà, mi ero approcciato con grande scetticismo. Devo dire che nell’utilizzo mi son dovuto ricredere: è una scelta che consente di trovare sempre un buon rapporto e di mantenere una cadenza “salva gamba”; il 35-33 vi consente di affrontare veramente qualsiasi salita, impossibile scendere a spingere o girare la bici per tornare a casa.

Catalogo e listino prezzi ebike 2021 Scott

Il 48-10 invece vi consente comunque di fare delle buone velocità, e in mezzo a queste due rapportature ci sono molteplici sfumature che pur non soddisfando tutte le esigenze, sicuramente ci vanno molto vicino. Unico limite forse sono le velocità molto alte (sopra i 55 km/h) dove il rischio di andare fuori giri con le gambe è concreto.

Sul bagnato la bici si comporta molto bene, le caratteristiche descritte in precedenza si traducono anche in questa condizione, il copertone da 28 e i freni a disco trasmettono una sicurezza di guida molto elevata, anche a ritmi particolarmente intensi.

Sergio Viganò pedala con la nuova bici da corsa Scott Addict RC 10 2021

Scott Addict RC 10: conclusioni e valutazione

La Scott Addict RC 10 offre altissime prestazioni e i suoi punti di forza sono senza dubbio la reattività e la maneggevolezza. Pur non trattandosi del top di gamma della casa elvetica, le sue prestazioni sono da prima della classe e non ha molto da invidiare alle fuori serie che vediamo ai grandi giri.

Si tratta sicuramente di una bici da corsa che fa divertire e che trasmette grande sicurezza di guida. In virtù di queste osservazioni non è da sottovalutare il prezzo di 6.299 euro, sicuramente molto competitivo per gli allestimenti e le prestazioni che offre questa Scott Addict RC 10.

Per ulteriori approfondimenti sul brand o sulla linea Addict vi invitiamo a visitare il sito ufficiale www.scott-sports.com

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Appassionato di qualsiasi cosa abbia le ruote, la bici è presente nella mia vita da quando ho memoria. Ho la fortuna di viverla in quasi tutte le sue sfaccettature, sempre affamato della prossima novità. Ho trovato la soddisfazione agonistica nel triathlon, riuscendo nel 2017 a ottenere la qualificazione al campionato del mondo ironman 70.3. Sono istruttore FITRI e, mentre proseguo i miei studi in farmacia, cerco di scendere il meno possibile dai pedali provando a trasmettere la mia grande passione.