Invia a un amico










Inviare

[Update 6 marzo 2020]: Oggi RCS ha comunicato ufficialmente che la Milano-Sanremo 2020 non si correrà come previsto a causa dell’emergenza coronavirus. Saltano anche la Tirreno-Adriatico 2020, la Strade Bianche 2020 e il Giro di Sicilia 2020. È stata fatta richiesta di ricollocazione delle tre gare all’interno del calendario.

La Milano-Sanremo è una delle corse più attese dell’intero calendario UCI World Tour 2020, in quanto è la prima delle cinque classiche monumento e sfida tra i più grandi campione del ciclismo internazionale.

Quest’anno la Classicissima si correrà, secondo il suo consueto percorso, il 21 marzo 2020, al netto di variazioni e cancellazioni dovute al nuovo Coronavirus di cui parleremo successivamente.

C’erano stati moltissimi dubbi anche riguardo al tracciato della 111esima della Milano-Sanremo, a causa del maltempo che aveva danneggiato la Liguria e le infrastrutture già in grande difficoltà, in questo caso era il Poggio a essere messo in discussione.

Un sopralluogo effettuato dal Comune e altri esperti di geotecnica ha garantito la tenuta dei tiranti e del muro e dunque la celebre salita, che spesso ha deciso le sorti della corsa, si farà con grande gioia degli appassionati.

In questo articolo, che aggiorneremo in base agli sviluppi, andremo ad analizzare la situazione dell’epidemia in Italia che rischia di far saltare molteplici corse, ma anche il percorso della Milano-Sanremo 2020 con un focus sui probabili favoriti.

Suggeriamo ai nostri lettori appassionati l’articolo sulla storia della Milano-Sanremo

Il gruppo di ciclisti che pedalano alla Milano-Sanremo 2020

La situazione Coronavirus in aggiornamento

Come ben sappiamo, l’Italia è stata una delle nazioni più colpite dal virus Covid19 e il governo è stato chiamato a misure di sicurezza importanti per cercare di isolare e bloccare il contagio.

L’intera Lombardia ha avuto il numero più alto di contagiati e, siccome la corsa partirà proprio da Milano, rischia di essere cancellata. RCS, comitato organizzatore della Classicissima e di altre importanti corse italiane, è molto preoccupata della situazione vista la cancellazione della Strade Bianche 2020 e quella plausibile della Tirreno-Adriatico 2020.

Alcune squadre hanno già dichiarato di non voler partecipare ad alcune corse italiane, tra cui la Milano-Sanremo 2020, nel mese di marzo: parliamo della Jumbo-Visma, della CCC, della Groupama-FDJ, della Ineos, della UAE Team Emirates, della Sunweb, della Ag2r La Mondiale, dell’Astana e della Mitchelton-Scott, ma probabilmente se ne aggiungeranno altre.

Gli scorci della corsa durante la Milano-Sanremo 2020

L’UCI, con un annuncio sui social, ha affermato di non modificare il calendario delle corse e che eventuali cancellazioni o sospensioni saranno decise esclusivamente dalle autorità locali competenti.

Mauro Vegni, direttore di RCS, ha dichiarato di doversi uniformare alle disposizioni dell’esecutivo e dunque non potrà fare nulla se il governo attuerà il decreto sulle attività sportive a porte chiuse per evitare assembramenti di persone anche sul ciclismo.

Il decreto prevede un mese di stop (fino al 3 aprile), in tal caso Vegni parlerà con la federazione internazionale per chiedere un rinvio in quanto sono grandi appuntamenti che meritano una ricollocazione nel calendario.

Ricordiamo che anche l’UAE Tour è stato interrotto a due tappe dal termine per il sospetto (poi confermato) di alcune positività al Coronavirus e ben quattro squadre sono state costrette a restare nell’emirato in quarantena (Gazprom Rusvelo, Groupama-FDJ, Cofidis e UAE Team Emirates).

Il percorso della Milano-Sanremo 2020

Il percorso della Milano-Sanremo 2020

Tornando alla Milano-Sanremo 2020, nel caso in cui si svolgerà regolarmente, prevederà il classico percorso con finale scoppiettante. Sappiamo bene che la Classicissima è la Monumento più adatta ai velocisti visto il tracciato quasi totalmente pianeggiante, ma negli ultimi anni ci sono state non poche sorprese, tra cui quella magica di Vincenzo Nibali nel 2018.

Da Milano si scenderà in direzione sud-ovest, superando città come Pavia, Voghera e Tortona, prima di entrare in Liguria affrontando la prima asperità di giornata, il Passo del Turchino, una salita molto pedalabile con pendenze mai oltre il 4%.

Allo scollinamento del Turchino ci troveremo a metà Milano-Sanremo 2020 e da lì seguiranno circa 80 chilometri completamente pianeggianti prima di ritrovare una difficoltà: si tratta dei tre “Capi”, Mele, Cervo e Berta, in ordine di apparenza e di impegno.

La salita della Cipressa della Milano-Sanremo 2020

Con i Capi e il gruppo lanciato verso gli ultimi 50 km, la corsa prende definitivamente il via: i corridori lotteranno per prendere le prime posizioni del plotone e per affrontare la Cipressa (5,6 km al 4,1%) in modo sicuro e attento.

Sulla Cipressa il gruppo si allungherà e in molti perderanno terreno dicendo addio ai propri sogni di gloria. Meno di 10 km di pausa e si incontrerà il Poggio (3,7 km al 3,7%), dove la Milano-Sanremo 2020 avrà il suo momento più caldo.

Sul Poggio ci saranno numerosi attacchi da finisseur e corridori da classiche che ritengono di non avere chances in volata. In questi frangenti della corsa le squadre dei velocisti dovranno organizzarsi per recuperare il terreno ai possibili fuggitivi e preparare lo sprint finale, come di consueto a Via Roma in Sanremo.

La salita del Poggio della Milano-Sanremo 2020

Probabile startlist e favoriti

La Milano-Sanremo 2020 dovrà fare i conti con i tanti team che decideranno o hanno già deciso di non partecipera: la corsa avrebbe dovuto accogliere tutte le squadre del circuito World Tour 2020 e sei Wildcard.

La Classicissima non può che vedere come probabili favoriti i grandi velocisti del gruppo e delle squadre che ancora non hanno dichiarato l’assenza: Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), ancora a secco nella Classica di Primavera, Caleb Ewan (Lotto Soudal) ed Elia Viviani (Cofidis) sono i principali favoriti.

Il ciclista Elia Viviani tra il gruppo dei favoriti della Milano-Sanremo 2020

Non mancheranno però i finisseur e i corridori da classiche, ciclisti veloci in volate ristrette che cercheranno in tutti i modi di spezzare il gruppo sul Poggio come Alejandro Valverde (Movistar) o outsider pronti a giocarsi le proprie carte: tra i corridori più inventivi del gruppo ci sono sicuramente Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo), pronto a un incredibile doppietta, Tim Wellens (Lotto Soudal), Alberto Bettiol (EF Pro Cycling) e il giovanissimo Remco Evenepoel (Deceuninck-QuickStep)..

Per ulteriori informazioni sull’edizione 2020 della Milano-Sanremo vi invitiamo a seguire la pagina ufficiale della corsa.

L'attacco decisivo di Vincenzo Nibali nel 2018 alla Milano-Sanremo

Granfondo Milano-Sanremo 2020

La Milano-Sanremo sarà affrontata anche dagli amatori nell’omonima Granfondo da svolgersi domenica 7 giugno, quando speriamo la crisi del Coronavirus sia definitivamente conclusa.

La Granfondo Milano-Sanremo, giunta alla 50esima edizione, ricalcherà il percorso dei professionisti, dalle porte di Milano, attraverso la pianura lombarda e piemontese, per arrivare al Turchino e alla riviera ligure con la Cipressa e il Poggio.

Le iscrizioni sono state aperte lo scorso 5 novembre 2019 e nonostante le difficoltà di questi mesi, si punterà a ricalcare le orme delle ultime edizioni, quando atleti da tutto il mondo sono venuti alla partenza di questa storica Granfondo.

Tutte le quote di partecipazione e il termine per le iscrizioni, così come le informazioni sui pacchetti di viaggio e pernottamento, sono disponibili sul sito ufficiale della Granfondo Milano-Sanremo. Vi invitiamo inoltre a consultare il nostro articolo dedicato al calendario completo delle Granfondo 2020.

Invia a un amico










Inviare

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ama scrivere fin da quando era piccolo e questo lo ha portato a raccontare storie sul suo sport preferito, il ciclismo. Un'attività fisica che prova anche a praticare sia per piacere sia soprattutto per capire le difficoltà, le fatiche ma anche le gioie e i successi dei campioni che ogni giorno ci emozionano sulle strade.