Invia a un amico










Inviare

Il circuito Gravel Road Series nasce da un’idea di Franco Monchiero e lo staff di Race Events, assieme a Cristian Trippa e Davide Bonandrini.

Per il 2017 il circuito prevede tre tappe in cui si correrà con bici gravel attraverso i più bei percorsi che l’Italia ci offre in termini di “back roads“, ovvero strade secondarie.

Le date sono state ufficializzate venerdì scorso nella sede italiana di Specialized, partner del circuito in qualità di principale sponsor tecnico.

Ciò testimonia il fatto che la casa californiana della grande S creda molto nel cicloturismo e nel gravel ed investa non solo in immagine ma anche in partnership importanti, come quella dell’altro circuito E-Enduro, primo al mondo per mtb elettriche.

Qui trovate il catalogo e listino prezzi Specialized 2017 con anche i modelli Diverge, Dolce Evo e Sequoia dedicati al settore gravel.

Maglia tricolore Gravel

Una delle novità che lo staff di Race Events ha annunciato è l’appoggio della Federazione Ciclista Italiana con l’approvazione del regolamento, il riconoscimento del circuito nazionale e la conseguente decisione di nominare una delle tappe “campionato italiano Gravel Road Series” che donerà la maglia tricolore al vincitore.

presentazione circuito Gravel Road Series

BiciLive.it è stata alla sede italiana di Specialized dove è stato presentato il nuovo circuito Gravel Road Series.

Che cos’è il circuito Gravel Road Series

Il circuito Gravel Road Series rappresenta un diverso modo di interpretare una competizione. E’ “figlio” dei primi esperimenti effettuati gli anni scorsi in cui già due gare erano state organizzate con successo, la Superenduro B-Road e la Gravel Road Challenge di Punta Ala. Si corre con bici da strada, da gravel o da ciclocross.

La particolarità sta nel fatto che le gare si svolgano lungo la rete di strade secondarie, su percorsi dal chilometraggio variabile e cerchino quanto più possibile di rimanere lontano dalle grandi vie di comunicazione e dal traffico.

Nella competizione si alternano parti di trasferimento e parti di Prove Speciali (PS) cronometrate che determinano la classifica della gara.

I trasferimenti a ritmo tranquillo garantiscono “l’esperienza comune” che altrimenti non sarebbe possibile nel formato classico di gara ciclistica in gruppo tipo granfondo.

Le prove speciali, con altimetrie e terreno variabile (asfalto, ghiaia, sterrato, sia in salita che in discesa) rappresentano la componente agonistica e di sfida, in cui ognuno potrà dare il meglio di sé in termini di prestazione e sorpassi.

Nonostante ciò il formato prevederà anche la fruizione da parte della categoria “cicloturisti” per tutti coloro che desiderino far parte dell’evento senza competere, per gustarsi i panorami e gli interessanti ristori previsti lungo il percorso.

bicicletta e ristoro durante una gara gravel

Le gare si svolgono prevalentemente su strade secondarie e prevedono parti di trasferimento, parti di prove speciali e interessanti punti di ristoro, così da unire l’aspetto agonistico a quello esperienziale.

Le date e le località del Gravel Road Series

13/14 maggio – Castellania (AL)

Il paese di Fausto Coppi inaugurerà il circuito Gravel Road Series con una tappa tributo a uno dei personaggi storici della bicicletta. Le colline circostanti Castellania saranno il perfetto scenario dell’evento, giornata in cui sarà possibile anche visitare il museo dedicato al grande campione.

10/11 giugno – Alba (CN)

L’organizzatore Franco Monchiero vedrà svolgere la seconda tappa proprio nel suo paese, in una località rinomata per l’eccellenza nell’enogastronomia e i paesaggi pittoreschi. Nel report di Filippo Coronelli, un nostro lettore che partecipò all’edizione della primissima gara a La Morra, si possono assaporare le diverse emozioni che la tappa di Alba garantirà ai partecipanti.

28/29 ottobre – Toscana

I dettagli della terza tappa verranno comunicati a breve e seguirà un aggiornamento dell’articolo.

partenza di una gara con bici da strada o gravel

I partecipanti al circuito Gravel Road Series possono utilizzare biciclette da strada, da gravel o da ciclocross.

Cronometraggio in tempo reale con Endu di MySdam

MySdam, società di gestione iscrizioni e cronometraggi nata 15 anni fa e molto attiva nell’ambito delle gare xc, strada ed enduro, lancia il progetto Endu.

Si tratta di una piattaforma già operativa ma ancora in versione beta che permetterà moltissimi servizi, alcuni dei quali inediti.

Dalla promozione degli eventi al cronometraggio in tempo reale, la possibilità di trovare amici e colleghi che partecipano alle gare, confrontare risultati, calendarizzare eventi, caricare video e foto e creare profili personali, fino a geolocalizzare la posizione del ciclista in gara in tempo reale, per finire con un’app riguardante il servizio di Photo Service.

Il debutto sarà proprio in occasione degli eventi allestiti da Race Events in cui basterà un solo click per avere tutti gli aggiornamenti direttamente sul proprio profilo Endu.

Per maggiori informazioni: gravelroadseries.it e mysdam.net

A proposito dell'autore

Patito delle due ruote fin da bambino, bmx, motocross, le prime mtb. Dal 2007 sui campi di gara enduro e downhill in tutta Italia, dal 2013 è istruttore di mountain bike presso www.gravity-school.com. Con BiciLive fin dall'inizio, la bici è il suo pane quotidiano!