Invia a un amico










Inviare

L’UCI, durante lo svolgimento dei campionati iridati di ciclocross 2016, ha assegnato l’organizzazione dei mondiali di ciclismo su strada per il 2018 a Innsbruck, città austriaca già sede dei Giochi olimpici invernali nel 1964 e nel 1976.

Per l’Austria sarà il terzo campionato iridato dopo le edizioni di Villach nel 1987 (successo di Stephen Roche su Moreno Argentin) e Salisburgo nel 2006 (trionfo di Paolo Bettini su Erik Zabel e Alejandro Valverde).

Partendo proprio dalla gara di Innsbruck, andiamo ad analizzare i percorsi delle prossime tre manifestazioni mondiali, senza dimenticare la candidatura di Vicenza per il 2020.

I prossimi mondiali di ciclismo su strada

I mondiali di ciclismo su strada verranno disputati a Doha (Qatar) nel 2016 e a Bergen (Norvegia) nel 2017 prima di raggiungere Innsbruck nel 2018.

I campioni mondiali élite in carica (Richmond 2015) sono: lo slovacco Peter Sagan (linea uomini), la britannica Elizabeth Armitstead (linea donne), il bielorusso Vasil’ Kiryenka (crono uomini), la neozelandese Linda Villumsen (crono donne), BMC Racing Team (cronosquadre uomini) e Velocio-SRAM (cronosquadre donne).

Innsbruck 2018, percorso per scalatori

Il percorso di Innsbruck 2018, basandosi su alcune indiscrezioni, dovrebbe consistere in un anello di 20 km comprendente una salita di 8 km. Non è ancora giunta la conferma ufficiale ma, se così fosse, potremmo assistere alla vittoria di uno scalatore e a una gara difficile sullo stile di Firenze nel 2013.

Vincenzo Nibali avrà quasi 34 anni e Fabio Aru 28. L’età (soprattutto per il sardo) è ancora dalla loro, magari attendendo qualche altro giovane azzurro al varco…

Doha 2016, per velocisti puri

Il percorso di Doha 2016 sarà completamente pianeggiante, ma… attenzione al vento! La prima volta assoluta in Medio Oriente potrebbe difatti essere decisa da qualche forte folata ma, in ogni caso, si giocheranno il trionfo i velocisti oppure qualche finisseur molto potente.

Gli organizzatori hanno cercato di limitare il problema del caldo estremo, stabilendo l’evento tra il 9 e il 16 ottobre.

Bergen 2017, Kristoff è pronto

Il percorso di Bergen 2017 sarà piuttosto semplice e presenterà solo una salitella di 3 km a metà circuito. Il padrone di casa Alexander Kristoff, primo alla Milano-Sanremo 2014, alla Vattenfall Cyclassics 2014, in due tappe al Tour de France 2014 e al Giro delle Fiandre 2015 oltre al bronzo olimpico in linea a Londra 2012, è pronto a riportare il ciclismo norvegese ai fasti iridati di Thor Hushovd ed Edvald Boasson Hagen.

Il primo trionfò nella volata di Geelong 2010, mentre il secondo chiuse alle spalle del solo Philippe Gilbert a Valkenburg 2012. Per la nazione scandinava si tratta del secondo mondiale, dopo Oslo 1993 quando vinse Lance Armstrong.

Vicenza 2020, il sogno italiano

Vicenza è, attualmente, la migliore candidata in vista dell’organizzazione dei mondiali nel 2020. Il progetto vicentino si snoderebbe intorno a Monte Berico, luogo di arrivo della 12ª tappa al Giro d’Italia 2015, dove Gilbert precedette di 3″ Alberto Contador e Diego Ulissi.

Il Veneto ha già ospitato le edizioni del 1985, 1999 e 2004. Nella prima occasione toccò a Giavera del Montello (TV), mentre nelle altre due Verona. Per i vicentini, sarebbe una prima assoluta.

Invia a un amico










Inviare
iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ha gareggiato per diverse stagioni nel mondo dell'atletica leggera come velocista prima di dedicarsi al ciclismo amatoriale. Grande appassionato di storia e di cultura sportiva, ha intrapreso la carriera giornalistica dopo la laurea in Lettere e ha fondato il team dilettantistico Fondocorsa assieme ad alcuni amici. In estate potreste trovarlo su Stelvio e Gavia, ma la salita non è proprio la sua specialità migliore.