Invia a un amico










Inviare

Dopo la presentazione del percorso anche le maglie ufficiali del Giro d’Italia 2018, in programma dal 4 al 27 Maggio, sono state presentate al Gessi Milano.

Ad accompagnare la sfilata anche la nuova madrina della corsa, Alice Rachele Arnach, Miss Italia 2017, che consegnerà a Roma lo speciale “Trofeo Senza Fine” al vincitore della manifestazione.

presentazione maglie giro d'italia con miss italia

La presentazione delle maglie del Giro 2018 si è tenuta con la nuova madrina: Alice Rachele Arnach, l’ultima Miss Italia.

Produzione e design

Anche quest’anno le casacche saranno prodotte da Manifatture Valcismon e firmate Castelli, che si è occupata del design e dei particolari. Verrà utilizzato lo speciale tessuto SITIP, realizzato per esaltare leggerezza e aerodinamicità portando il peso complessivo a soli 124 grammi. Da sottolineare i loghi in rilievo 3D su fondi manica e carré dietro.

Le maglie del Giro d’Italia edizione 101 saranno le stesse quattro dello scorso anno, dunque riconfermata la Maglia Ciclamino della classifica a punti dopo il successo del 2017 e la lontananza dalla strada a favore della Maglia Rossa che per motivi di sponsor ne aveva preso il posto.

maglia rosa ufficiale Castelli del giro 2018

Le nuove maglie, firmate Castelli, pesano 124 g e hanno il logo del Giro in rilievo 3D.

Nuovamente preferita la Maglia Azzurra a discapito di quella verde, per la classifica degli scalatori . La vecchia casacca è ormai assente dal 2012 quando Banca Mediolanum è entrata come sponsor della corsa, per questa scelta non sono mancate le critiche del pubblico sui vari social.

Presentato anche il cronometro ufficiale del Giro d’Italia 2018, TAG Hauer, che fornirà i tempi ufficiali delle corse in linea e soprattutto delle sfide contro il tempo dell’edizione 101 della Corsa Rosa.

maglia rosa ciclamino azzurra bianca del giro 2018

Ad eccezione della Maglia Rosa, le altre casacche nel corso degli anni sono state modificate in base alle esigenze degli sponsor e per il 2018 i 4 colori sono: rosa (generale), ciclamino (a punti), azzurro (gpm) e bianco (miglior giovane).

Le quattro maglie del Giro d’Italia 2018

Maglia Rosa: è la più ambita della corsa in quanto verrà indossata dal leader della Classifica Generale ed è sponsorizzata da Enel Energia. Rosa come la Gazzetta dello Sport, fondatrice della manifestazione. Avrà le stesse livree di sempre, l’unica novità è il termine delle maniche che sarà di colore bianco. Scalata, agilità e resistenza, questi sono i valori che dovrà incarnare il vincitore del Giro d’Italia. Tutti già da ora si chiedono chi la indosserà a Roma il 27 Maggio, sarà ancora Tom Dumoulin?

Maglia Ciclamino: come detto in precendenza, la maglia più amata dai velocisti è stata riconfermata e anche quest’anno il main sponsor sarà Segafredo. Lo scorso anno l’ha portata a casa Fernando Gaviria, che quest’anno ha virato sul Tour de France. La sfida degli sprint è tuttavia già aperta e serviranno potenza, velocità e scaltrezza per conquistarla.

vincitori edizione 2017 giro d'italia

I vincitori dell’edizione 2017: Jungels (Bianca), Dumoulin (Rosa), Gaviria (Ciclamino) e Landa (Azzurra),

Maglia Azzurra: è la casacca che richiama il colore del cielo che in cima alla salita appare sempre più vicino. Mikel Landa nel 2017 dopo essere uscito di classifica ha fatto di tutto per conquistarla e solo un grande scalatore come lui, coraggioso e attaccante, potrà vincere il simbolo del re dei Gran Premi della Montagna. Quest’anno sarà sponsorizzata da Banca Mediolanum.

Maglia Bianca: il bianco è il colore della purezza e della giovinezza, per questo rappresenta l’under 25 migliore nella classifica generale. Bob Jungels l’ha indossata per le ultime due edizioni, ma quest’anno la sua età non gli permetterà di difendere il primato. A Roma sapremo chi sarà l’uomo da tener d’occhio per le stagioni a venire. Eurospin accompagnerà la maglia bianca del miglior giovane. Caparbietà ed entusiasmo.

Per ulteriori informazioni sulla manifestazione visitare la pagina ufficiale del Giro d’Italia.

A proposito dell'autore

Ama scrivere fin da quando era piccolo e questo lo ha portato a raccontare storie sul suo sport preferito, il ciclismo. Un'attività fisica che prova anche a praticare sia per piacere sia soprattutto per capire le difficoltà, le fatiche ma anche le gioie e i successi dei campioni che ogni giorno ci emozionano sulle strade.