Invia a un amico










Inviare

Un bellissimo itinerario che vi permette di raggiungere Verona partendo dal lago di Garda, esattamente da Bardolino. Un percorso che si sviluppa principalmente su strade secondarie e pista ciclabile, immerso tra uliveti e vigneti con vista prima sul lago di Garda quindi sulla città di Verona.

L’itinerario è lungo 30 chilometri con un dislivello di 150 metri in uno scenario unico. Partenza e arrivo da Bardolino.

Arena di Verona a metà giro dal lago di Garda a Verona

Dove si trova Bardolino

Bardolino si trova in Veneto, esattamente sulla riviera orientale del lago di Garda.

Per raggiungere il punto di partenza vi suggerisco queste soluzioni: percorrendo l’autostrada A22 Brennero-Modena direzione Sud l’uscita è Affi Lago di Garda Sud. Alla rotonda si prosegue sulla SP9 quindi si prende la SP31 direzione Bardolino.

Percorrendo, invece, l’autostrada A4 Milano-Venezia l’uscita consigliata è Peschiera del Garda. Alla rotonda dopo il casello si prende la SR249 direzione Lazise quindi si arriva a Bardolino.

Percorso dal lago di Garda a Verona

Tabella dati altimetrici e riepilogativi

Partenza Bardolino 65 m slm
Arrivo Bardolino 65 m slm
Dislivello totale  150 m
Lunghezza  30 km

Consigli per tutti: dato il traffico veicolare presente a tratti sulla strada vi consiglio di mantenervi sempre sulla destra ed essere prudenti anche sulla pista ciclabile.

Indossate sempre il casco, accendete la luce rossa posteriore e, in discesa, moderate la velocità. Nelle giornate estive portatevi sempre la borraccia e bevete di frequente.

manubrio e display bici Michele Malfatti

Affrontare il tour in bici da corsa

Verona, la città di Romeo e Giulietta e dell’Arena, queste sono le cose principali quando si parla di questa città. Mi piace andare a Verona, tante volte in macchina ma ci sono stato anche tante volte in bici. Oggi ho deciso di accompagnarvi nella bellissima città scaligera partendo dal lago di Garda, esattamente da Bardolino.

Sono partito da partito da Arco di Trento, dove abito, in macchina direzione lago di Garda. Sono arrivato a Torbole primo paese che si affaccia sul lago ed ultimo comune della provincia di Trento. Ho attraversato la cittadina di Malcesine, dove alla mia destra ho notato il castello scaligero che svetta sul lago mentre a sinistra la funivia che sale ai 2000 metri del monte Baldo.

Scendendo lungo la SR249 ho notato la piccola frazione di Cassone famosa perché si trova il fiume Aril, il più corto al mondo con soli 175 metri di lunghezza.

Conosco la strada molto bene perché mi piace pedalare nella zona tra Torri del Benaco e Peschiera e soprattutto mi diverto a rilevare e a ideare itinerari in bici da corsa. Lungo la strada mi sono fermato a Garda per un caffè al volo quindi sono risalito in macchina direzione Bardolino che dista pochi chilometri.

Alla prima rotonda ho svoltato a sinistra quindi ho preso la prima strada a destra. Ho parcheggiato davanti al circolo tennis, parcheggio gratis e luogo tranquillo. Dopo aver scaricato la bici mi sono vestito e quindi ho acceso il GPS e ho caricato la traccia che ho creato a video.

paesaggio giro dal lago di Garda a Verona

Uscito dal parcheggio ho svoltato a destra quindi allo stop ancora a destra dove mi sono immesso sulla strada principale in leggera salita. Ho controllato la traccia sullo schermo del GPS quindi ho svoltato la prima strada a destra e magicamente mi sono ritrovato a pedalare su strada secondaria con traffico assente e soprattutto tra bellissime case e ulivi. Sono giunto a una rotonda devo ho seguito le indicazioni per Affi. 

Ho pedalato per un breve tratto sulla strada provinciale. Sono a pochi chilometri in linea d’aria dal lago e sono immerso tra vigneti a perdita d’occhio. Ho notato tante aziende vinicole che producono vini molto famosi come il bardolino (vino di color rosso rubino) e il chiaretto (versione rosata del vino bardolino).

Proseguendo sono ritornato sulla strada provinciale per un breve tratto quindi ho girato a destra davanti all’oleificio Turri.

Dopo un lungo tratto tra ulivi e vigneti, una costante di questo giro, ho affrontato una breve salita per superare la sottostante superstrada. Ho cambiato rapporto e sono salita in scioltezza.

Sono sceso dal cavalcavia e mi sono fermato a bordo strada un momento per scattare delle foto ma soprattutto per apprezzare il silenzio di questi luoghi e la natura, perché a volte basta spostarsi di poco dalla strada principale e si trovano luoghi silenziosi e dalla bellezza indescrivibile.

Pedalando tra i bellissimi vigneti, ho affrontato il sottopasso dell’autostrada A22 Brennero Modena quindi, sono arrivato alla strada principale dove ho girato a sinistra.

Ho affrontato un breve discesa e allo stop ho girato a sinistra. Mi sono ritrovato a pedalare sulla strada principale. Alla rotonda di Pastrengo ho seguito il cartello stradale per la Val d’Adige. Ho iniziato la discesa quindi dopo il ponte sul canale Biffis ho girato immediatamente a destra trovando il cartello con le indicazioni per la pista ciclabile.

Mi sono fermato per fare una foto e ho scoperto che mancano solo 20 km alla meta della giornata.

cartello giro dal lago di Garda a Verona

Pedalando lungo la ciclabile mi sono fermato per aggiungere una fontanella come wpt (punto di interesse) nel mio GPS per poi, una volta rientrato a casa, aggiornare le mappe del progetto di OpenStreetMap. Ho approfittato di questa pausa per riempire la borraccia di acqua.

Seguendo i cartelli ciclabili ben distribuiti ho attraversato la città di Bussolengo quindi, dopo un lungo tratto su strada trafficata, ho ritrovato la ciclabile riservata solo alle bici e ai pedoni e così sono ritornato al silenzio della campagna.

Per un lungo tratto ho pedalato costeggiando il canale Biffis e, dopo alcuni chilometri ho ripreso a pedalare su strada principale. Al termine di una breve discesa, ho notato i cartelli che indicano la ciclabile. Ho attraversato la carreggiata e, dopo aver attraversato un cancello ho notato a sinistra una diga, sono a Chievo, frazione di Verona.

ciclabile costeggiata da canale durante il giro dal lago di Garda a Verona in bicicletta

Pedalando in ciclabile mi sono ritrovato a costeggiare il canale industriale Camuzzoni alla mia destra, mentre a sinistra il fiume Adige. Ho attraversato una zona con dei campi sportivi difatti sono al quartier generale della squadra di calcio del Chievo che milita in serie A.

Ho controllato il GPS e ho visto che manca davvero poco all’arrivo all’Arena di Verona. Ho continuato sulla pista ciclabile attraversando strade secondarie in sicurezza, grazie ad attraversamenti ciclabili e pedonali. Alla fine di un lungo tratto rettilineo ho attraversato Corso Milano, una delle arterie principali per raggiungere Verona arrivando da Ovest.

Ho ripreso la ciclabile e dopo un lungo tratto ho attraversato Viale Colonnello Galliano con la chiamata ciclabile/pedonale.

Ho girato a sinistra pedalando sulla pista ciclabile ben disegnata sul marciapiede condiviso. Ho attraversato i giardini Caduti di Nassirya fino al semaforo dove ho attraversato la circonvallazione Pietro Maroncelli sempre con la chiamata pedonale/ciclabile e mi sono ritrovato in via Porta San Zeno.

ciclabile dal lago di Garda a Verona

Conosco bene la zona, a metà strada mi sono fermato per ammirare piazza San Zeno e la bellissima Basilica di San Zeno Maggiore. Ho scattato alcune foto quindi sono risalito in bici e ho seguito i cartelli districandomi tra le strette vie fino allo stop dove ho girato a sinistra in Corso Castel Vecchio.

Ho costeggiato Castel Vecchio, dove al suo interno si trova il museo civico, quindi ho svoltato alla prima traversa a destra, via Roma.

Ho percorso con calma e attenzione questo tratto di strada per la presenza di gente e di biciclette. Allo stop ho girato a sinistra e sono arrivato in Piazza Brà con l’Arena sullo sfondo. Sono arrivato alla meta della pedalata.

Arena Verona dal giro del Garda a Verona

Foto di rito all’Arena quindi ho preso un gelato al pistacchio e me lo sono gustato su una panchina. Ho salvato la traccia fatta fino a questo punto quindi ho riaperto la traccia del rientro verso la macchina, la stessa fatta all’andata.

Altri percorsi in Veneto

Oltre a questo che vi abbiamo appena raccontato la regione Veneto offre tanti altri percorsi, passi e piste ciclabili da percorrere e godere in sella pedalando.

Ecco altri 5 articoli di cicloturismo pubblicati sul nostro sito:
Passo Duran in bicicletta
Passo Falzarego
Dal lago di Garda agli ulivi
La pista ciclabile del Piave: un percorso da Belluno a Jesolo
Cicloturismo nelle Terre del Custoza tra il Garda e Verona

Traccia GPS scaricabile

Qui di seguito trovate la mappa del percorso dal lago di Garda a Verona con la traccia GPS disponibile al download gratuito.

Invia a un amico










Inviare
iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Abito ad Arco di Trento, mecca della bici a 360°. Unisco la passione della bici al mio lavoro di cartografo e di rilevatore GPS di itinerari bici e trekking. Ho scritto due guide, una di mountain bike e l'altra di cicloturismo.