Invia a un amico










Inviare

La voglia di prendersi un weekend per scappare alla scoperta di località europee dove spostarsi in bicicletta è sempre alta, ma non sempre è possibile ritagliarsi un po’ di tempo libero a causa di svariati impegni.

Allora, se aveste a disposizione qualche giorno, perché non visitare le splendide Fiandre in bici? Potrebbe essere un’idea per le vostre prossime vacanze.

A poche ore di aereo da noi, è una delle mete più sognate e ambite dagli amanti del ciclismo e delle grandi corse del nord.

Sentiero ciclabile nelle Fiandre

Visitare le Fiandre in bici è molto semplice, basta seguire le indicazioni numerate dette nodi.

Fiandre in bici

Le Fiandre sono una delle tre regioni che formano il Belgio, bagnate dal Mare del Nord e confinanti con Francia e Olanda. La lingua ufficiale è l’olandese che, dagli abitanti della zona, viene definito “fiammingo” mentre, in alcuni comuni a facilitazione linguistica, si parla anche il francese per comunicare con le autorità.

Questa meravigliosa terra, conosciuta per le verdi campagne e i chilometri di pavé, è ricca di cose da scoprire, gustare e di attività da svolgere.

In questo articolo vi vorrei dare qualche informazione per rendere la vostra vacanza nelle Fiandre in bici facile e indimenticabile…

Pista ciclabile lungo corso d'acqua nelle Fiandre

La maggior parte dei percorsi ciclabili fiamminghi sono immersi nel verde.

La mappa dei sentieri

Non serviranno mappe cartacee impossibili da ripiegare e ingombranti da trasportare, ma sarà sufficiente scaricare gratuitamente sul vostro smartphone la Grote Routepaden: un’app intuitiva e semplice che vi farà sempre trovare la strada giusta e che, soprattutto, vi permetterà di calcolare giorno per giorno i chilometri da percorrere in bicicletta.

Potrete selezionare tra i dieci percorsi ciclabili numerati impostando la scelta in base alle vostre capacità ciclistiche. Distinti da temi differenti, verrete guidati attraverso le Fiandre. Molto utili, inoltre, sono le informazioni nella mappa interattiva che vi indicherà, sul percorso da voi prescelto, i punti di ristoro e dove alloggiare la notte.

Visitare

Percorrere le Fiandre in bici è un modo di rigenerarsi nel verde, ma anche un’alternativa idea di viaggiare, stare a diretto contatto con le persone che s’incontrano strada facendo e con la possibilità di decidere quando fermarsi a scoprire qualcosa che non sia segnato sulla cartina.

Per chi voglia scoprire la cultura e le origini artistiche di questo paese, tra le meraviglie fiamminghe, c’è l’imbarazzo della scelta: dimore del passato, artisti che hanno fatto la storia, palazzi e musei che racchiudono arte classica e moderna. Oltre alla capitale belga Bruxelles, i centri d’arte fiamminga sono Anversa, Gent, Bruges, Lovanio e Mechelen, collegati tra loro dai percorsi ciclabili.

Apertura di una bottiglia di birra belga

Dovete assolutamente fare sosta in uno dei birrifici locali per degustare l’ottima birra belga

Gustare

Gli chef francesi hanno fama a livello mondiale di essere tra i più abili in cucina, ma anche quelli fiamminghi se la cavano molto bene impiattando ottime zuppe con bocconcini di pollo (Ghent Waterzooi) e profumatissimi brasati (Gentse Stoverij).

Quando sarete in viaggio, vi consiglio di fermarvi al mercato della città per immergervi totalmente negli odori locali e curiosare tra le cose esposte sui banchi dove spesso si possono assaporare al volo pietanze locali.

Inoltre godetevi una pausa rigenerante in uno dei numerosi birrifici che troverete lungo la vostra pedalata. Gli amanti della birra potranno scegliere tra le millecinquecento birre originali belghe, molte di cui vengono servite in bicchieri speciali, di forme differenti, pensati per accentuare il sapore della bevanda.

Abbinateci, poi, una bella degustazione di cioccolato locale facendovi consigliare in base alla birra scelta. Ma potrete anche prendere parte a scuole di cioccolato organizzate con un vero maître chocolatier fiammingo.

Dormire

Quando organizzerete la vostra vacanza in bici nelle Fiandre potrete programmare tutto direttamente da casa grazie al servizio Bed and Bike. Prima di partire basterà semplicemente entrare nel sito del Turismo Fiandre e selezionare la tipologia di alloggio dove farete tappa per la notte: campeggio, albergo, appartamento, stanza…

Oppure, se amaste l’avventura o poteste permettervi di prendervi tutto il tempo necessario per visitare questo paese, vi basterebbe seguire le indicazioni dell’applicazione, grazie a cui avrete a disposizione le diverse opzioni che troverete lungo il vostro tragitto. Tutti gli alloggi indicati vi daranno la possibilità di mettere al sicuro la vostra bicicletta durante la notte.

Gent città delle Fiandre di notte

Le Fiandre offrono numerosi Bed and Bike per dare un servizio ottimo a chi pedala.

Noleggio bicicletta

Se voleste viaggiare leggeri e noleggiare la bici una volta arrivati nelle Fiandre, vi basterà chiedere al momento della prenotazione del vostro alloggio se abbiano biciclette disponibili al noleggio.

Se non fossero disponibili, vi sapranno sicuramente indicare il negozio più vicino dove poter ritirare la vostra bicicletta. In Belgio la bici è il mezzo più utilizzato e non avrete alcuna difficoltà a trovare quella adatta alla vostra vacanza.

Ciclismo

Chi invece scelga le Fiandre come pura meta ciclistica e cicloturistica potrà pedalare lungo le famose strade delle grandi corse del nord, dove i più forti atleti al mondo si battono per la vittoria fino allo sfinimento.

I lunghi tratti in pavé sono meta di pellegrinaggio per gli amanti di questo sport, grazie a cui possono rivivere lo spirito del ciclismo eroico. Il giro delle Fiandre in bici è comunque una possibile vacanza adatta ai ciclisti di tutti i livelli ed età con o senza disabilità.

Potrete trovare maggiori informazioni e opzioni di viaggio sul sito: www.visitflanders.com.

Non mi resta che augurarvi un buon giro delle Fiandre in Bici!

A proposito dell'autore

Chiamata dagli amici "acqua e paltan", proveniente da sport completamente differenti, ora dedica cuore e mente al mondo delle due ruote offroad. Poliedrica nel suo lavoro: un'ottima fotografa, sa mettersi a disposizione anche dall'altra parte dell'obiettivo! Attiva come "social specialist" non smette mai di pensare a dove la bici la porterà ad infangarsi la prossima volta!