Invia a un amico










Inviare

Dopo svariati mesi di uscite in bici da corsa, la redazione di strada.bicilive.it ha concluso i test sui copertoni Michelin Power Endurance, di cui vi avevamo già parlato diverso tempo fa in seguito alla nostra visita (più una breve prova pratica) al centro della Michelin a Ladoux (Clermont-Ferrand, Alvernia).

Prima di focalizzare la nostra attenzione sulle impressioni tecniche, andiamo a rivedere alcuni dati riguardanti queste nuove gomme realizzate dalla casa francese per il 2016, perfette soprattutto per il cicloturismo e per le gare di durata quali Granfondo e Randonnée.

Lo pneumatico antiforatura Michelin Power Endurance

Il nostro test è stato effettuato sul copertoncino Michelin Power Endurance, definito dalla casa francese come “il più resistente”.

Inoltre vi ricordiamo come, per l’utenza europea, siano usciti anche gli pneumatici Michelin Power Compétition e Michelin Power All Season, definiti rispettivamente dall’azienda come “i più veloci” e “i più aderenti”, mentre gli Endurance sono stati chiamati “i più resistenti”.

Caratteristiche tecniche copertoncini Michelin Power Endurance

Incominciamo innanzitutto dalle misure: nella colorazione nera sono disponibili i copertoncini (clincher) da 23-622 (700x23c), 25-622 (700x25c) e 28-622 (700x28c), mentre nelle colorazioni rossa, blu e bianca sono presenti solo quelli da 23 e 25 millimetri di larghezza.

Effettuando un primo confronto con le Pro4 Endurance notiamo come sia stato aggiunto il modello da 28 mm, sempre più affermato nel mondo amatoriale.

Ora spostiamoci sul peso (i dati presenti sul sito Michelin, che vi forniremo, sono leggermente discordanti rispetto a quelli da noi riportati qualche mese fa): i modelli da 23 mm pesano 210 g nelle versioni rossa, blu e bianca e 220 g in quella nera; i modelli da 25 mm raggiungono i 225 g nelle colorazioni rossa, blu e bianca e 230 g in quella nera, mentre i modelli da 28 mm arrivano a 255 g.

particolare della carcassa del Michelin Power Endurance

Gli pneumatici Michelin Power Endurance sono realizzati con le mescole X-Miles Compuond combinate con la tela carcassa Grip design così da assicurare resistenza ma anche aderenza e velocità.

Le mescole X-Miles Compound sono state concepite per percorrere lunghissime distanze resistendo alle abrasioni e ai tagli e, combinate con la tela carcassa Grip Design, garantiscono migliori aderenza e velocità in curva.

I TPI (fili per pollice) sono 110 e nelle parti sommitali è stato inserito un rinforzo in aramide (Aramide Protek+). Realizzando un nuovo paragone tra Power Endurance e Pro4 Endurance, denotiamo come le prime pesino parecchi grammi in meno in ogni versione.

Infine l’aderenza laterale, migliorata grazie alla scolpitura leggermente lamellizzata della gomma, è aumentata del 35%, l’aderenza longitudinale del 10% ed è stato quantificato un guadagno di 8,6 watt/63 secondi su un percorso di 40 km pedalato a una velocità media di 35 km/h.

Test pneumatici Power Endurance

copertoncini Michelin Power Endurance (per ora niente tubeless) non hanno subito alcuna foratura durante le prove svolte dai tester del marchio transalpino, come detto durante la conferenza stampa a Ladoux dall’ex ciclista professionista Sylvain Georges, attualmente capitano della formazione dilettantistica Pro Immo.

I test sono stati svolti sia da corridori di prima fascia sia da pedalatori amatoriali e i copertoni sono stati messi “alla frusta” su diversi terreni e a differenti pressioni di gonfiaggio. L’obiettivo degli ingegneri consisteva nella creazione di uno pneumatico antiforatura che, al contempo, avesse una resistenza al rotolamento inferiore rispetto al vecchio modello Pro4 Endurance.

Il primo assaggio dei nuovi Power Endurance è avvenuto sulle strade nei pressi di Châteaugay, durante il nostro viaggio al centro della Michelin verso fine marzo 2016 (la mia bici era una Basso Diamante con gruppo Shimano Ultegra a 11 velocità e corone 50/34).

Poi, li ho montati sulla mia Scout con Campagnolo Chorus a 10 velocità (53/39), testandoli per circa 5.000 km tra Lombardia e Liguria su terreni diversi e, così come fatto dai tester francesi, anche a pressioni di gonfiaggio completamente differenti in modo da simulare le condizioni più svariate.

particolari del copertoncino Michelin Power Endurance dopo il test

Il test è stato effettuato su circa 5.000 km nelle condizioni più disparate e lo pneumatico, pur mostrando normali segni di usura, si è comportato ottimamente in ogni situazione.

Che fossero strade ben asfaltate, leggermente o estremamente rovinate o addirittura sterrate con sassi, hanno superato tranquillamente ogni prova, non soffrendo minimamente nemmeno quando ho abbassato la pressione al di sotto dei 4 bar oppure quando l’ho alzata fino a 10 (la pressione consigliata per il copertoncino nero da 25 mm, cioè quello da me utilizzato, è tra i 5 e gli 8 bar).

Nelle lunghe uscite in pianura dai Navigli di Milano fino al pavese (Bereguardo, Pavia o altri paesi limitrofi) ho notato un’ottima scorrevolezza e, anche in un pomeriggio di maggio sotto l’acqua torrenziale con la strada che sembrava quasi un fiume, l’aderenza è risultata perfetta.

Scorrevolezza e aderenza sono state ottimali pure in salita e in discesa (per esempio sul Bracco e San Bernardo in Liguria oppure sul Ghisallo, a Campo dei Fiori e sulle durissime pendenze di Brunate in Lombardia) così come la resistenza alle forature.

Quando ho percorso per esempio il tratto sterrato sul Naviglio Pavese oppure alcuni pezzi di sentiero sulla “Montagnetta di San Siro” (il Monte Stella) a Milano, temevo notevolmente una foratura ma, al contrario delle mie paure, sono rientrato a casa senza alcun problema.

Per quanto riguarda l’aderenza in frenata ho provato sicurezza e stabilità in ogni occasione, compreso anche quando la pressione era inferiore ai 5 bar su discese sia piuttosto tecniche sia molto scorrevoli.

Dunque, penso che non sia niente male riuscire a utilizzare una gomma per circa 5.000 km mettendola a dura prova in numerose occasioni, senza avere alcuna foratura e non presentando alcun problema nemmeno sotto una pioggia battente (condizione per cui sarebbero più consigliate le All Season).

Conclusioni

Resistenti alle forature, scorrevoli e ben aderenti in ogni condizione climatica: così definirei le gomme per bici da strada Michelin Power Endurance.

particolare dello pneumatico Michelin Power Endurance

Durante il test non abbiamo subito alcuna foratura e il grip è stato ottimale anche in condizioni di pioggia battente.

Da un punto di vista personale, consiglio questo prodotto ai cicloturisti, agli amatori che percorrano diverse migliaia di chilometri ogni anno e a quegli agonisti che, non particolarmente ossessionati dalla prestazione (per cui ci sono le Power Compétition), gareggino su prove di lunga durata.

Che cosa ci è piaciuto:

  • Nessuna foratura, nemmeno su sterrato.
  • Ottima aderenza anche sul bagnato.
  • Leggerezza e grande durata.

Che cosa si può migliorare:

  • Vista l’utenza a cui è rivolto il prodotto, la scorrevolezza è già molto buona, ma siamo convinti che il prossimo modello sarà ancora migliore.

Per maggiori info, visita il sito Michelin.

Test dei copertoni per bici da corsa Michelin Power Endurance
Resistenza alle forature10
Aderenza9.5
Scorrevolezza8.5
Peso9
Durata9.5
9.3Il nostro voto
Voti lettori: (12 Voti)
5.8

A proposito dell'autore

Ha gareggiato per diverse stagioni nel mondo dell'atletica leggera come velocista prima di dedicarsi al ciclismo amatoriale. Grande appassionato di storia e di cultura sportiva, ha intrapreso la carriera giornalistica dopo la laurea in Lettere e ha fondato il team dilettantistico Fondocorsa assieme ad alcuni amici. In estate potreste trovarlo su Stelvio e Gavia, ma la salita non è proprio la sua specialità migliore.