Invia a un amico










Inviare

Oggi parliamo della bicicletta da corsa BMC Roadmachine 01 Dura Ace Di2.

La Roadmachine è un mezzo polivalente che riesce a coniugare performance e comfort. Il nome stesso, tradotto in Italiano in “macchina da strada”, è un preludio della sua natura.

L’azienda svizzera Bicycle Manufacturing Company, anche come BMC, è stata fondata nel 1986 dall’americano Bob Bigelow.

Nel 2001 Bigelow sceglie di investire in ricerca ingegneristica e design. Da quel momento produce modelli sempre più competitivi con i quali vincerà le più importanti gare del mondo fra cui anche il record dell’ora nel 2015 con l’australiano Dennis Rohan.

bmc roadmachine 01 dura ace di2 nel colore grigic

Come detto dal nome stesso, la BMC Roadmachine 01 è una macchina da strada, una bici polivalente adatta a tutte le condizioni.

La tecnologia della Roadmachine 01

La Roadmachine 01 è il risultato di tutta l’esperienza accumulata sino ad oggi da BMC, sia in laboratorio che sui campi di gara. Essa infatti racchiude tutte le ultime tecnologie in un’estetica curata e ricca di elementi integrati.

Partiamo dal robusto e leggero telaio in fibra di carbonio, progettato per assorbire gli urti e le vibrazioni della strada senza sacrificare la rigidità laterale e il trasferimento di potenza in pedalata.

bdc bmc roadmachine con freni a disco e cambio elettronico dura ace di2

Il telaio della BMC Roadmachine 01, monta freni a disco e nella versione top di gamma il cambio elettronico Shimano Dura Ace Di2.

Tutto questo è reso possibile grazie alla tecnologia strutturale TCC “Tuned Compilance Technology”. Essa consiste in una forma sottile e piatta dei foderi posteriori alti, forcellini a sbalzo, canotto reggisella a D e steli forcella che permettono la flessione verticale e insieme conferiscono elasticità dove serve.

Viceversa il carbonio ad alto modulo elsatico di cui si compone il tubo obliquo oversize, la scatola della serie sterzo, i foderi bassi e la parte alta della forcella assicurano rigidità torsionale, per uno scarico ottimale della potenza a terra.

elasticità e rigidità del telaio BMX Roadmachine

Nella BMC Roadmachine 01 elasticità e rigidità dove servono creano un perfetto equilibrio fra prestazioni e benessere in sella.

I dettagli e la componentistica

Gli elementi integrati come il morsetto reggisella, il supporto della pinza freno e il passaggio interno dei cavi creano un’estetica accattivante e funzionale anche in ottica aerodinamica.

dettagli del design della BMC Roadmachine 01

Morsetto reggisella e attacco pinza sono Invisibili e funzionali, garantendo alla bici ottime prestazioni aerodinamiche e un design elegante.

L’attaco manubrio, disponibile in cinque lunghezze (90, 100, 11, 120 e 130mm), viene chiamato Integrated Cockpit Stem perché permette di agganciare facilmente ciclocomputer, gps e videocamere senza pregiudicare troppo il coefficiente di penetrazione dell’aria.

Integrated Cockpit Stem per il montaggio di accessori sulla bici

Grazie all’Integrated Cockpit Stem è possibile montare facilmente sul manubrio action cam, contachilometri gps o altri accessori.

La componentistica di altissimo livello include il gruppo Dura Ace Di2 con trasmissione 2X11 rapporti. I freni a disco sono Shimano BR-RS805 con disco anteriore da 160 mm e 140 mm al posteriore. Le ruote DT Swiss RC38 C Spline Carbon hanno perni passanti da 12 mm nei mozzi per ottenere un’ elevatissima precisione di guida.

La Roadmachine 01 Dura Ace Di2 2017 è disponibile nelle taglie 47, 51, 54, 56, 58, 61. Viene proposta al pubblico a 9.999 euro IVA inclusa.

Esistono anche altre tre varianti più economiche, che potente scoprire nel nostro listino listino strada BMC 2017.

Per maggiori informazioni consultate la pagina dedicata di BMC alla Roadmachine 01.

A proposito dell'autore

Autodidatta con la passione per le biciclette e veicoli elettrici in generale. Ha avuto il privilegio di lavorare per un lungo periodo presso Bike World Extreme di Natalini Vanes a Castel Maggiore. Autore del manualetto "Due Ruote e un Elettrone" pubblicato dalla casa editrice "La Linea" di Bologna.