Invia a un amico










Inviare

5 bici da corsa in carbonio Made in Italy sotto i 2.000 euro: andiamo a scoprirle

Dopo l’articolo pubblicato sulle 5 bici da corsa sotto i 1.000 euro, alcuni di voi ci hanno chiesto informazioni riguardanti le biciclette “economiche” in carbonio.

L’utilizzo del carbonio fa sì che i prezzi siano superiori rispetto all’impiego dell’alluminio ma, nonostante ciò, siamo riusciti a scovare diversi modelli sotto i 2.000 euro.

Qual è però l’ulteriore particolarità in questo caso? Abbiamo scelto solamente aziende italiane, mostrando ancora una volta l’altissima qualità del Made in Italy.

5 bici da corsa in carbonio Made in Italy sotto i 2000 euro

Questo articolo vuole fornire un semplice elenco, non rappresentando in alcun modo una nostra classifica personale.

Buona lettura e buon viaggio attraverso questo spaccato di biciclette Made in Italy con brand quali BassoBottecchia, Chesini, Kuota e Wilier Triestina.

Basso Laguna

foto della bici da strada Basso Laguna

L’effervescente Veneto ha dato i natali a innumerevoli artigiani appassionati alla progettazione e alla costruzione di bici e, tra questi, un posto di primaria importanza spetta ad Alcide Basso, fondatore dell’omonimo marchio nel 1974 e tuttora alla guida della propria azienda dopo un passato da meccanico in squadre professionistiche.

La Basso Laguna è stata realizzata in fibra di carbonio TR50 e MR60, è disponibile in sette differenti taglie e costa 1.786 euro.

Propone il gruppo Shimano 105 mix, il manubrio Microtech XL, la sella San Marco Era Open e le ruote Microtech Krium.

Per ulteriori informazioni, visita il sito Basso.

Bottecchia 8AVIO EVO

Foto della Bottecchia 8AVIO EVO

Bottecchia 8AVIO EVO

Gli amanti della storia del ciclismo agonistico collegano immediatamente il nome di questo marchio al leggendario Ottavio Bottecchia, primo italiano a trionfare al Tour de France (1924 e 1925) e morto nel 1927 in circostanze misteriose. Proprio l’anno prima, aveva iniziato a fabbricare bici in collaborazione con Teodoro Carnielli, la cui famiglia avrebbe poi detenuto la proprietà del brand “Bottecchia”.

La Bottecchia 8AVIO EVO è presente in sei modelli e propone un telaio in carbonio. Il prezzo varia a seconda del gruppo utilizzato e, sotto la soglia dei 2.000 euro, troviamo la 56B 8AVIO EVO e la 56P 8AVIO EVO.

La prima monta un Campagnolo Veloce Mix 20s e costa 1.799 euro, mentre l’altra uno Shimano 105/Ultegra Mix 22s al prezzo di 1.899 euro.

Oltre al telaio (950 grammi in taglia M), sono entrambe accomunate dalla forcella in carbonio monoscocca UD con cannotto conico 1″1/2 dal peso di 390 grammi, dalla sella San Marco Era, dalla guarnitura FSA Omega Megaexo Alu 52/36 22s, dai freni Raxe RC 340 e dalle coperture Vittoria Zaffiro 700×25.

Le divergenze sono invece presenti sulle ruote (Fulcrum Racing 7 per la prima contro Fulcrum Racing Sport per la seconda) e sulla cassetta (Campagnolo Veloce 13/29 10s opposta a Shimano 105 11/28 11s).

Per maggiori informazioni, visita il sito Bottecchia.

Chesini R-Tre

foto della Chesini R-Tre

Chesini R-Tre

Chesini è uno tra i marchi italiani più antichi, essendo stato fondato da Gelmino Chesini nel 1925. L’azienda veronese propone nel proprio catalogo la R-Tre, bici con telaio in carbonio monoscocca dal peso di 7,3 kg.

Il gruppo è a scelta, la scatola del movimento centrale è griffata BSA, i componenti Deda Elementi e la sella è una Selle Italia SL. Il prezzo di base è 1.750 euro.

Per ulteriori info, visita il sito Chesini.

Kuota Kobalt 105 11 Spd

foto della Kuota Kobalt 105 11 Spd

Kuota Kobalt 105 11 Spd

Avevamo conosciuto i ragazzi di Kuota al Bike Shop Test di Zola Predosa (BO), dove avevamo potuto ammirare le nuove Kalibur 2016 e Khan Androni.

Oggi invece trattiamo la Kobalt 105 11 Spd in carbonio, il cui telaio pesa 1130 grammi verniciato in taglia M. La sella è una San Marco Era, i componenti sono della Deda Elementi, la scatola del movimento centrale è una BB386 e il passaggio dei cavi è integrato.

Disponibile in sei taglie (50,8, 52, 53,3, 54,3, 56 e 57,3 centimetri), costa 1.899 euro.

Per maggiori info, visita il sito Kuota.

Wilier GTR Team Carbon Red

foto della Wilier GTR TEAM Carbon Red

Wilier GTR Team Carbon Red

L’ultimo modello di questa lista di bici da corsa in carbonio sotto i 2000 euro è un prodotto di casa Wilier Triestina, marchio veneto fondato nel 1906 da Pietro Dal Molin e che deve il suo nome alla frase: “W l’Italia Libera e redenta” a cui poi, nell’autunno del 1945, fu aggiunto “Triestina” in onore di una delle città simbolo dei drammi avvenuti durante la seconda guerra mondiale.

La Wilier GTR Team Carbon Red è presente sul mercato in sei modelli, di cui due sotto i 2000 euro: la W607VM, al prezzo di 1.719 euro, monta un gruppo Campagnolo Veloce 10s, mentre la W6071R propone uno Shimano 105 11s e costa 1.849 euro.

Realizzate entrambe in fibra di carbonio Carbon 46 ton (prodotta da Mitsubishi), cioè in grado di sopportare una pressione di 46 tonnellate per millimetro quadrato, presentano numerose differenze nei vari componenti (esclusa la sella Selle Italia X1 e reggisella, piega e attacco di FSA).

La W607VM propone ruote Miche GTRX1, guarnitura e freni FSA Gossamer Custom Wilier e pesa 8,6 kg.

Invece, la W6071R ha ruote Shimano RS010, guarnitura Shimano FC-RS500 (50/34T), freni Shimano BR-R561 e pesa 8,4 kg.

Le taglie a disposizione sono sei: 51,3, 52,7, 54, 55,7, 57,2 e 58,9 centimetri.

Per ulteriori info, visita il sito Wilier Triestina.

A proposito dell'autore

Ha gareggiato per diverse stagioni nel mondo dell'atletica leggera come velocista prima di dedicarsi al ciclismo amatoriale. Grande appassionato di storia e di cultura sportiva, ha intrapreso la carriera giornalistica dopo la laurea in Lettere e ha fondato il team dilettantistico Fondocorsa assieme ad alcuni amici. In estate potreste trovarlo su Stelvio e Gavia, ma la salita non è proprio la sua specialità migliore.