Invia a un amico










Inviare

Parte domani il progetto pilota Dolomites Vives (che in ladino significa “Dolomiti vive”) per diminuire l’inquinamento acustico e ambientale delle Dolomiti.

Ogni mercoledì di luglio e agosto, dalle 9 alle 16, la viabilità del famoso Passo Sella sarà negata ai mezzi non ecologicamente sostenibili, cioè potranno circolare solo pedoni, biciclette, mezzi pubblici e veicoli elettrici.

Il flusso crescente di traffico che attraversa il valico nel periodo estivo ha conseguenze negative sull’ecosistema montano e paesaggistico.

In particolare il rumore assordante delle moto e lo smog creato dalla moltitudine di mezzi a motore minano la pace e la bellezza dell’ambiente circostante.

L’agosto scorso sul Passo Sella si sono registrati medie di 2.300 veicoli al giorno, con la cifra impressionante di più di 1,2 milioni di mezzi durante l’intero anno.

mappa del passo sella

Il passo Sella si trova nel cuore delle Dolomiti, fa parte del celebre “Sellaronda” e collega la Val Gardena con la Val di Fassa.

L’obiettivo dell’amministrazione altoatesina, spiega l’assessore Richard Theiner, è quello di promuovere il rispetto per l’eco-sostenibilità che le Dolomiti meritano, essendo dal 2009 Patrimonio UNESCO dell’umanità per valore paesaggistico e scientifico. Naturalmente mantenendo allo stesso tempo uno stile di vita sano e desiderabile per i turisti e residenti.

La giunta provinciale ha messo a disposizione 203.000 euro per la chiusura della strada che non solo permetterà lo svolgimento di iniziative volte alla promozione del territorio ma servirà come banco di prova per l’attività di monitoraggio dell’Accademia europea di Bolzano e l’ufficio provinciale aria e rumore.

La prima condurrà uno studio dettagliato sull’impatto sociale ed economico dell’intera zona, mentre la seconda effettuerà analisi precise sul livello di inquinamento atmosferico e acustico tenendo conto dell’intero periodo estivo.

ciclisti salgono al passo sella

Con la chiusura del passo, gli appassionati di ciclismo potranno percorrerlo senza auto non solo durante le manifestazioni sportive.

Richard Theiner afferma che l’Alto Adige, insieme con il Trentino, stanno collaborando per ottenere il primato di regioni con il più alto tasso di mobilità sostenibile e la migliore qualità di vita.

Il famoso scalatore Reinhold Messner è il primo sostenitore dell’iniziativa, definendola un primo passo verso un futuro in cui l’uomo tornerà in armonia con la pace della natura.

Reinhold parteciperà alla prima chiusura del Passo Sella raccontando la sua vita da scalatore di ben quattordici vette da più di 8000 metri.

Si dice anche convinto che attraverso una riorganizzazione della mobilità, con trasporti pubblici efficienti e nuovi parcheggi, si porteranno più turisti a godere della ritrovata bellezza dolomitica.

Ben vengano altre iniziative come questa.

A proposito dell'autore

Autodidatta con la passione per le biciclette e veicoli elettrici in generale. Ha avuto il privilegio di lavorare per un lungo periodo presso Bike World Extreme di Natalini Vanes a Castel Maggiore. Autore del manualetto Due Ruote e un Elettrone pubblicato dalla casa editrice "La Linea" di Bologna.